Dufresnoy, Charles-Alphonse

Pittore e scrittore francese, attivo in Italia (principalmente a Roma) per gran parte della sua carriera (1634-55). I suoi pochi dipinti sopravvissuti sono opere non particolarmente significative alla maniera di Poussin, ed è soprattutto ricordato per il suo poema latino De arte graphica, che dà inizio alle dottrine del classicismo francese in forma epigrammatica. Fu pubblicato nel 1668, subito dopo la sua morte, e una traduzione francese del suo amico Roger de Piles comparve qualche anno dopo. De Piles incluse diverse note, in cui sottolineava l’importanza del colore che Dufresnoy aveva espresso solo in modo ipotetico. L’opera fu anche tradotta in inglese (1695, da parte del poeta John Dryden), tedesco (1699), italiano (1713), olandese (1733), ed ebbe influenza come espressione delle teorie accademiche nel corso del XVIII secolo; ulteriori traduzioni inglesi apparvero nel 1754 e nel 1783 (l’ultima con note di *Reynolds). Nascita: Parigi 1611; Morte: Villiers-le-Bel 1668

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Articoli dell'Autore /