VENTURA-LAMBRATE, L’UNDERGROUND DEL DESIGN

VENTURA-LAMBRATE, L’UNDERGROUND DEL DESIGN

 

 

Via Massimizzano, via Oslavia e via Ventura. Fra queste strade si racchiude il “quadrilatero” più alternativo del Fuori Salone. Vivo e attento alle tendenze del lifestyle e alla cultura, da qualche anno a questa parte, il quartiere di Lambrate è diventato un ricettacolo di idee. È qui che le vecchie fabbriche rinascono per diventare il luogo prediletto dei talenti emergenti e nomi più conosciuti, dove la sperimentazione più innovativa si mescola all’hi-tech.

Fra i protagonisti HOMI, Il Salone degli Stili di Fiera Milano, nello spazio DIN con l’evento HOMI Smart, un progetto realizzato in collaborazione con IDLAB dove esperienza, idee e grandi tradizioni si incontreranno. Da segnare le giornate del 14, 15 e 16 aprile, con gli incontri Digital Breakfast. Tre appuntamenti dedicati ad aziende e designer per individuare le nuove tendenze che uniscono le tecnologie più innovative alle nuove opportunità di valorizzare gli oggetti e gli accessori di ricerca.

Sempre la valorizzazione al centro di Solo un pesce morto segue la corrente, ovvero lo slogan del Fuori Salmone, la community di designer autoproduttori, creata dagli architetti Emanuele Pezzotta e Andrea Riccardi. In un momento in cui è difficile trovare un’azienda promotrice, in un programma che vede coinvolta la Camera di Commercio di Milano, ecco spuntare il Salmone, il pesce che naviga contro corrente. Qui lo scopo è far incontrare creativi e compratori stranieri per promuovere il made in Italy.

Evento simbolo del distretto, nelle giornate dal 12 al 17 aprile è Poetry – 21 words for… organizzata da Logotel e curata da Susanna Legrenzi e Stefano Maffei. La poesia e design si incontrano per emozionare ancora in un progetto di ampio respiro che ha visto coinvolti 21 creativi internazionali, il cui filo conduttore è dare vita a un nuovo sillabario per far comprendere allo spettatore come un prodotto non riesca a suscitare alcuna reazione senza poesia.

Il tatto, invece, è al centro del lavoro della Design Accademy Eindhoven, mentre la Aarhus School of Architecture con History as catalyst propone una guida per agire nel presente utilizzando risorse del passato per immaginare possibilità per pratiche future. Un appartamento privato è stato aperto dalla Academy of Art The Hague per collaborazioni sperimentali e interdisciplinari. La Plusdesign presenta i lavori dei designer che hanno collaborato con la galleria nell’ultimo anno, creando una sorta di linea del tempo espositiva. Vetro, ottone e marmo per la coppia Giopato&Coombes, ossessionata dalla precisione per la realizzazione dei lampadari; nessun oggetto o prodotto finito, in Envisions, qui nove creativi sono stati invitati per proporre nuove visioni su materiali contemporanei, offrendo solo uno sgurado dietro le quinte. Un raro incontro tra arte, design e moda nelle opere di Carina Wagenaar: medaglioni a grandezza naturale da appendere al muro, nati dallo spunto di cammei, medaglioni, pizzi e reliquie e simboli narrativi. Lo Studio Mieke Meijer, De Intuïtiefabriek, Lex Pott, Visser & Meijwaard, OS ∆ OOS e Michiel Martens, infine, sono i designer contattati da Baars & Bloemhoff per converitre le loro superfici materiche in reali oggetti di design.

Progetti innovati e esposizioni pensate per avvicinare lo spettatore al design, nel quadrilatero Lambrate da girare con le biciclette elettriche di Enel Energia, all’insegna della sostenibilità. Posizionate nell’E-Bike park (anche nei distretti di Brera e Tortona), per ricaricare il motore, tablet e smartphone.

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

redazione
Articoli dell'Autore / redazione