,

MOBILI DI DESIGN IN AFFITTO: ECCO COME

MOBILI DI DESIGN IN AFFITTO: ECCO COME

È possibile noleggiare auto di lusso, borse, vestiti da cerimonia, abiti da sposa. Da oggi anche il tavolo della cucina.

Ormai, è possibile noleggiare qualsiasi cosa. L’unica categoria che mancava all’appello erano proprio le suppellettili per la casa. Ci hanno pensato Dario Brivio e Francesco Cazzaniga di Studio Apeiron a risolvere il problema dei mobili di design in affitto.

Con l’iniziativa #affortable il design non è più un lusso, nemmeno per quanto riguarda i mobili di casa.

I mobili di design in affitto sono già diventati un trend

Viviamo nel 2019, i concetti ai quali i nostri genitori erano legati, stanno evolvendo in nuovi pensieri. Questo accade anche per il concetto di proprietà. Quanti sono i giovani che ad oggi possiedono una casa? Molto pochi. Secondo un sondaggio della Resolution foundation riportato sul The Guardian un giovane inglese su tre afferma che non possederà mai una casa. Ci stiamo spostando dalla necessità di possessione a quella, più pratica ed economica, di fruibilità.

Ecco perché i mobili di design in affitto non sono più una follia, ma una necessità e un servizio offerto sulla base di una richiesta concreta da parte del mercato. Ed è subito trend. Anche in Italia.

Immaginate di avere venticinque anni, di dovervi spostare a intervalli più meno regolari da un posto all’altro per motivi di lavoro. La maggior parte delle case in affitto più convenienti spesso sono non ammobiliate, la soluzione? Sicuramente non comprare mobili che diventerebbero ingombranti da spostare da un posto all’altro della nazione. Perché non affittarli alla modica cifra di un euro al giorno?

Ma non solo, perché non affittare complementi d’arredo anche per spazi come show-room, negozi, temporary stores?

Il giusto compromesso tra qualità e prezzi alla mano.

Ecosostenibilità al primo posto

Per non farsi mancare proprio niente, allo Studio Apeiron hanno pensato anche all’ambiente: i mobili di design in affitto realizzati da Studio Apeiron infatti sono realizzati da alberi destinati ad essere abbattuti, o già caduti. Il legno utilizzato è quello del cedro profumato del Libano. Per ogni albero abbattuto e per abbattere l’impatto sull’ambiente dei processi di produzione dei mobili di design, Apeiron pianta numerosi alberi nuovi.

Sguardo fisso sul futuro della collettività e sul pianeta, dunque.

La nostra filosofia si fonda su tre temi fondamentali: cura della terra, cura delle persone ed equa condivisione. Basi che ci permettono di pensare e progettare con un occhio lungimirante e rispettoso nei confronti del mondo in cui viviamo e che lasceremo alle generazioni future

Dario Brivio e Francesco Cazzaniga

Come funziona

Ogni tavolo può essere affittato per un minimo di 6 mesi e viene fornito con un kit di manutenzione, con cera, panni, carta vetrata e olio. Sono previste offerte speciali per aziende ed eventi.

LEGGI ANCHE:

GIO PONTI. PROROGATA FINO A MAGGIO LA MOSTRA A PARIGI

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Arianna Giampietro
Articoli dell'Autore / Arianna Giampietro

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>