Architettura,  Design

Kengo Kuma – Welcome a Milano: l’ufficio “biofilico” del futuro

Kengo Kuma: Welcome – l’ufficio “biofilico” del futuro tra legno e vegetazione: il nuovo progetto a Milano nella zona del Parco Lambro

Kengo KumaWelcome, feeling at work

Dopo i celebri lavori per il V&A Museum of Design Dundee in UK, e la recente inaugurazione dell’Odunpazari Modern Museum (OMM) in Turchia, il team guidato dallo studio giapponese Kengo Kuma si appresta a lavorare in Italia, precisamente a Milano a ridosso del Parco Lambro.

L’edificio rinominato Welcome, feeling at work sarà completato entro il 2024 e verrà presentato alla 17esima mostra Internazionale di Architettura.

Appena terminato garantirà nuovi posti di lavoro per la città di Milano. Welcome offrirà infatti uffici e spazi ideali per il co-working e per incontri di lavoro, insieme ad un auditorium. L’ideale per far sentire chi li occuperà “in simbiosi e a contatto con la natura”.

Inoltre, al suo interno sarà prevista un’area commerciale, con ristoranti, supermercato, un’area dedicata al wellness, ma anche spazi destinati a mostre ed eventi temporanei.

kengo kuma welcome
Welcome, feeling at work.

Welcome, feeling at work all’uscita della fermata della metro Crescenzago a Milano

Il progetto è guidato da Yuki Ikeguchi, architetto partner di Kengo Kuma and Associates. Quest’ultima fornisce i dettagli sull’imminente intervento di “architettura biofilica”. Racconta infatti come l’obiettivo sia di lavorare a diretto contatto con la natura, e continua:

Il progetto “prevede l’uso di elementi organici e naturali che stimolano i nostri sensi e assecondano la nostra tendenza a trovare comfort e ispirazione nei contesti naturali. Si tratta di uno spazio architettonico completamente integrato con la vegetazione e realizzato in materiali organici. Gli elementi naturali nell’architettura, come vegetazione, luce, aria e legno stimolano i sensi e fanno la differenza sul posto di lavoro, sullo stile di vita e migliorano la salute fisica e mentale, oltre che la produttività”, ha dichiarato Ikeguchi. 

In controtendenza con la propensione alla verticalità, tema centrale negli ultimi interventi architettonici della città di Milano (vedi Torre Botanica e Bosco Verticale di Stefano Boeri), per Welcome si è preferito privilegiare un impianto orizzontale. La scelta dovrebbe suggerire quindi una maggiore connessione con la zona a ridosso della metro Crescenzago e l’area industriale dismessa di Rizzoli:

“Un’idea di espansione del complesso verso il vicino Parco Lambro”.

kengo kuma welcome
Welcome, feeling at work.

Welcome di Kengo Kuma – Un edificio-giardino pensile:

Il complesso si costituisce in sei corpi di fabbrica, ognuno dei quali verrà realizzato con calcestruzzo per le fondamenta e l’interrato; mentre nei volumi fuori terra, con altezze, slittamenti e rotazioni diverse, saranno usati l’acciaio e il legno.

Inoltre, il complesso sarà ricco di vegetazione, sia nel sistema di serre che di terrazze concepite come:

 “Estensioni degli spazi esterni” con “orti, giardini fioriti, camminamenti” accessibili a tutti.

Finanziatori dell’architettura biofilica Welcome :

Il complesso è finanziato da un fondo gestito dalla società PineBridge Benson Elliot.


Puoi leggere anche:

Torre Botanica: nuovo bosco verticale accanto al futuro Pirelli 39

WoHo di Berlino: il grattacielo in legno più alto mai costruito

Turismo sostenibile – the red Sea project: il resort sul Mar Rosso

Se hai curiosità, consigli o vuoi saperne di più, contatta la nostra redazione: info@mam-e.it

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *