, ,

COM’È IL PRIMO HOTEL NELLO SPAZIO

COM’È IL PRIMO HOTEL NELLO SPAZIO

Voglia di vacanze ma non sapete dove andare? Tutto vi sembra banale e scontato? Allora prenotate subito la vostra prima vacanza nello spazio

Si chiama Aurora Station, realizzato da Orion Span, il primo hotel nello spazio che aprirà nel 2022 ma a cui potete, anzi, dovreste, prenotarvi sin da ora. Quest’anno ricorrono i cinquant’anni dello sbarco dell’uomo sulla luna. E sì, Armstrong ci aveva visto lungo nel dire “Un piccolo passo per un uomo, un grande passo per l’umanità”. Chissà se già si figurava le vacanze del 2022 nello spazio, prenotando una stanza vista Terra.

Il primo hotel spaziale

Il lussuoso ed esclusivo soggiorno avrà la durata di dodici giorni e un periodo preparatorio di tre mesi. Se, per caso, tre mesi di preparazione vi sembrassero esagerati, sappiate che inizialmente erano previsti ben 12 mesi di addestramento. Snelliti infine a tre per semplificare la procedura e abbattere i costi.

La struttura avrà una dimensione di più di dieci metri per quattro e potrà ospitare fino a quattro viaggiatori, più due accompagnatori. Il modulo è stato dichiarato “il più panoramico” esistente fino ad ora, con un numero di finestre imprecisato ma a quanto pare molto alto. Beh, godersi la vista in questa vacanza sarà effettivamente fondamentale, anche considerando che in caso di brutte esperienze, non sarà possibile recensire male la struttura su Tripadvisor.

Cosa si potrà fare sull’Aurora station, il primo hotel nello spazio?

Come ogni soggiorno vacanziero che si rispetti sono previste delle attività di intrattenimento per i partecipanti. Chiaramente, nel primo hotel nello spazio, non ci saranno degli animatori a ballare la Macarena (non ancora); ma degli scienziati esperti che vi guideranno nelle esperienze:

Progetto dell’Aurora Station

Per esempio, vi accompagneranno durante l’euforia dell’assenza di gravità, potrete ammirare l’aurora boreale e australe, sorvolare le vostre città; partecipare ad esperimenti di ricerca come far crescere cibo in orbita e vivere l’esperienza di una Realtà Virtuale tramite il Simulatore Ambientale Olografico, tecnologia fino ad ora apparsa soltanto inStar Trek.

Quanto costa?

Non giriamoci intorno, purtroppo i costi di questo tipo di esperienze sono ancora altissimi, anche perché in anteprima: nove milioni e mezzo di dollari a persona e un acconto di 80.000 per prenotare. Tutto sommato, basta essere il proprietario di qualche prestigiosa multinazionale. Una qualsiasi. Ma, riflettendoci, anche il Titanic inizialmente era un’esperienza riservata solo all’upper class sociale; magari più avanti capiterà anche a voi, come a Leonardo Di Caprio, di vincere i biglietti per la stazione Aurora con una partita a poker.

LEGGI ANCHE

SPEEDER: LA PRIMA MOTO VOLANTE AL MONDO

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Alessandro Dalai
Articoli dell'Autore / Alessandro Dalai

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>