Citylife
Architettura

A CityLife, a Milano, partono i lavori di costruzione di CityWave

A Milano iniziano i lavori di costruzione di CityWave, il building direzionale che completerà lo skyline di CityLife

A Milano sono ufficialmente iniziati i lavori di costruzione di CityWave, la torre orizzontale che completerà lo skyline di CityLife. Lo studio BIG – Bjarke Ingels Group si è occupato di progettare l’edificio che sarà realizzato grazie a un investimento di 170-180 milioni di euro. I lavori dovrebbero terminare nel 2025, prima dell’inizio delle Olimpiadi invernali.

Alla posa della prima pietra era presente anche Giuseppe Sala, sindaco di Milano, che su facebook ha scritto:

L’edificio consentirà anche la raccolta e il riuso delle acque piovane, oltre a creare un ampio spazio pubblico verde e coperto, vivibile tutto l’anno. L’avvio di nuovi cantieri con una forte componente di sostenibilità rappresenta un nuovo forte segnale di ripresa che viene dato a tutta la città. Una realizzazione che completa il già emblematico quartiere CityLife, esempio di design e rigenerazione urbana. Sarà il simbolo della Milano che vogliamo: viva, internazionale, bellissima.

Il progetto

CityLife

L’edificio green in CityLife ospiterà uffici della cui commercializzazione si occupa Jones Lang LaSalle e Cushman & Wakefield LLP. Sarà inoltre la prima struttura a uffici a superare l’impatto zero. Sarà infatti alimentato esclusivamente da fonti rinnovabili. Inoltre il rivestimento in pannelli fotovoltaici della struttura sarà il più grande parco fotovoltaico di Milano. Avrà infatti una superficie di 11mila metri quadri di pannelli che fornirà circa 1.200 MWh di energia l’anno. Infine l’edificio è pensato per consumare il 45% in meno di energia. Previsto anche un risparmio di 520 tonnellate di CO2 l’anno, grazie all’uso termico delle acque di falda. Inizialmente CityWave è stata pensata come la quarta torre di CityLife. Ingels, fondatore di Big, ha detto:

La forma verticale avrebbe consentito un’altezza comunque minore delle altre tre. Si sarebbe creata anche confusione visto che la stazione della metro si chiama Tre Torri. I pannelli solari alimentano gli ambienti di lavoro interni, mentre la parte inferiore in legno crea una copertura ombreggiata per una nuova area pubblica tutta da vivere.

L’edificio in CityLife è formato da due palazzi posati alle estremità e collegati da una passerella sospesa. Ingels l’ha definita una struttura a onda. La passerella offrirà quindi uno spazio ombreggiato.

Leggi anche:

Santa Giulia a Milano: l’arena per le Olimpiadi 2026

Kengo Kuma – Welcome a Milano: l’ufficio “biofilico” del futuro

The Butterfly architettura – la Grecia trasforma l’abitare

Se hai curiosità, consigli o vuoi saperne di più, contatta la nostra redazione:  info@mam-e.it

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *