Andrew Vianello racconta il suo Profilo

Andrew Vianello racconta il suo Profilo

Figura di spicco nel design contemporaneo, carismatico e intelligente: Andrew Vianello ci racconta come nasce il suo Profilo, il marchio che fa della personalizzazione, del fatto a mano e anche dell’affetto, il suo valore

È un fiume in piena, Andrew Vianello, fondatore di Profilo: un marchio di design che, in brevissimo tempo ha attratto gli appassionati del settore.

Si trova a Parigi, in pieno lockdown. Italianissimo, fa spola tra il nostro Paese e la Francia, che da tempo lo ha adottato. In particolare, è il grande magazzino Le Bon Marché, del gruppo LVMH, a dargli l’accoglienza che merita. Lì, nella mecca occidentale della moda e del design, Profilo ha la vetrina che merita.

Andrew Vianello con un’opera in 3D della collezione Km/h

Breve storia de Le Bon Marché

Le Bon Marché è il primo e vero magazzino al mondo, sorto su iniziativa di Aristide Boucicaut e di sua moglie Marguerite.

Da piccolo negozio parigino,nel 1838, Le Bon Marché amplia la sua superficie fino a occupare, nel 1852, gli spazi odierni. Negli anni, la struttura ha variato la sua immagine grazie ai lavori di Louis-Auguste Boileau e del figlio Louis che si avvale, a sua volta, della consulenza di Gustave Eiffel.

L’intervista ad Andrew Vianello

Non si definisce un designer, né un artista. Profilo nasce durante un periodo di cambiamento, a Parigi. È Natale. “Con la nostalgia di casa e lontano dai miei cari, decisi di creare un pensiero per loro che avesse una finitura da pezzo unico.”

Profilo. Alcune opere in 2D

Non mi reputo un artista, è una parola che mi spaventa. Non saprei definirmi“, mi racconta. Con lui, lavora un team di giovani ragazzi preparati che hanno saputo captare il senso del marchio.

Non mi piace la parola influencer, mi fa venire i brividi

Dalla sua terra, il Veneto, si trasferisce a Milano a soli 19 anni, iscrivendosi alla Naba, indirizzo scenografia. “Fare lo scenografo era la mia passione più sfrenata“, mi racconta. Svolge degli stage anche per la televisione e per il cinema. Poi giunge il teatro ma l’esperienza lo delude. Tra i suoi lavori, gli allestimenti per la Triennale, per il vecchio MACEF, disegna alcune scene per il film Carnera di Renzo Martinelli.

Potrebbe interessarti anche

Martinelli, il mio Carnera

Diane Von Fürstenberg per H&M Home in arrivo la co-lab

Matteo Thun firma per Désirée la sua prima poltrona Rito

Lutto nel mondo del design, è morto Enzo Mari: aveva 88 anni

Per il Natale 2020, Profilo propone i volti nel pop-up presente nel grande magazzino parigino: un grande spazio dedito alla personalizzazione.

Ritratti di gatti. Profilo

La nuova collezione, Km/h, realizzata per la primissima volta in 3D, è anch’essa lavorata a mano da artigiani specializzati che intrecciano il metallo disegnando profili e, appunto, autovetture e due ruote.

Quando proponevo i miei lavori in giro per l’Itala ho ricevuto tanti no. Non fidatevi di chi vi chiede le cose gratuitamente perché non le venderà mai

Una lunga chiacchierata. Andrew è davvero un fiume in piena. Ha energia da vendere. È esplosivo e brillante. dopo aver parlato del suo marchio, che ha come valore la personalizzazione, il fatto a mano e l’affetto, introduco una domanda spinosa: “cosa consiglieresti ai giovani d’oggi per entrare a gamba tesa nel mercato del design?“.

Le opere di Andrew Vianello e del suo team di artigiani

Mi risponde, “maggiore eleganza, il saper fare […] I giovani d’oggi non sanno vendere la loro immagine”, conclude.

 

 

 

 

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Stefania Carpentieri
Articoli dell'Autore / Stefania Carpentieri

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>