usa vaccini
Attualità,  NEWS

Usa, situazione vaccini: si valuta la revoca dei brevetti

Usa, situazione vaccini anti-Covid: dalla Casa Bianca arriva l’ipotesi di revocare lo scudo di protezione delle dosi

Ecco come procede la situazione dei vaccini in Usa. Gli Stati Uniti nelle ultime ore stanno valutando la revoca dello scudo di protezione dei vaccini contro il Covid-19 prodotti nelle case farmaceutiche americane. Questo scudo garantisce la difesa del diritto di proprietà intellettuale sui vaccini.

Alcuni media americani hanno riportato la notizia. Questa mossa potrebbe garantire anche agli altri Paesi di realizzare i vaccini esistenti senza i problemi sui brevetti. E il vantaggio potrebbe essere considerevole per i Paesi meno ricchi, che al momento dispongono di ridotte quantità di dosi. Nancy Pelosi, la speaker alla Camera dei rappresentanti, ha scritto in una lettera alla Casa Bianca che la proprietà intellettuale venga messa a disposizione di tutti.

La Casa Bianca, dunque, deve prendere una decisione, considerato che Sudafrica e India hanno già richiesto all’Organizzazione Mondiale del Commercio di rinunciare alle protezioni finché la pandemia non sarà finita.

usa vaccini

Usa, situazione vaccini: previsto un surplus di dosi a maggio

In molti Paesi del mondo preoccupa la scarsità di vaccini anti-Covid. Sicuramente non si tratta degli Stati Uniti, dove Biden sta cercando di gestire il surplus di dosi che nel Paese giungerà a maggio, quando le forniture arriveranno a superare la domanda. In America la campagna vaccinale prosegue senza sosta: ieri si sono raggiunte 3,4 milioni di dosi in un solo giorno.

Il Presidente americano ha alzato l’asticella dell’obiettivo che si prefigge di raggiungere. Egli vorrebbe arrivare a 200 milioni di dosi somministrate nei primi 100 giorni della sua amministrazione. Inizialmente l’obiettivo era di 100 milioni dosi, raggiunte in soli 58 giorni.

Dunque, arrivano forti pressioni dall’Europa e dall’Oms. In questi giorni si sta richiedendo agli Usa di donare almeno 10 milioni di dosi al programma Covax, che si impegna nell’aiuto dei Paesi più poveri. Eppure, a Washington sembra che si voglia valutare la situazione con cautela. Sono ancora molte le incertezze che gravano sul futuro della pandemia e sul momento in cui si raggiungerà l’immunità di gregge.

usa vaccini

Vaccini in Usa: Biden vuole rafforzare le relazioni internazionali

Dopo aver annunciato la sua prossima ricandidatura alle elezioni del 2024, Biden ha chiarito la prospettiva americana nel rafforzare le relazioni internazionali. Usa e UE devono unirsi non solo in questo momento di emergenza, ma anche nella difesa dei diritti umani, della cyber sicurezza e dei valori condivisi contro i regimi autoritari.

E a questo proposito, il Presidente americano ha in mente prima di tutto la Cina. Il suo appello è che le democrazie costringano il Paese cinese a rispondere delle costanti violazioni dei diritti umani. Ma da Pechino è arrivata la risposta, dove si sottolinea quanto gli Usa, invece che esaminare la propria disastrosa situazione dei diritti umani, continuino a preoccuparsi di quella altrui. Ovviamente, i riferimenti sono rivolti ai recenti conflitti etnici, disordini politici e divisioni sociali.

Leggi anche:

Moncler acquista Stone Island: aumento di capitale da 575 milioni

Aria Lombardia vaccini, 22 milioni di sprechi: che cos’è successo?

Ultimissime: a DAZN tutti i diritti tv delle partite di Serie A

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *