Attualità,  NEWS

Ripartenza turismo, l’Italia vuole accelerare per il Green Pass

Ripartenza turismo 2021, oltre metà Italia già prenotata: si anticipa il Green Pass Europeo?

Dopo mesi di agonia a causa delle restrizioni anti-Covid, il settore del turismo inizia a vedere la luce in fondo al tunnel anche in Italia in questo travagliato 2021. Il boom di prenotazioni e il ritorno dei primi viaggiatori esteri parlano di un’ imminente ripartenza del turismo. Grande ottimismo per l’estate alle porte: attesi almeno 166 milioni di presenze, ma per coprire le perdite accumulate la strada è ancora lunga. Per sostenere la ripresa, il governo lavora per anticipare l’entrata in vigore del Green Pass europeo di 15 giorni.

Ripartenza turismo, dati incoraggianti

Turismo Italia 2021
Turisti a Roma

Dopo le speranze infrante di ristoratori e albergatori durante le vacanze pasquali, uno fra i settori più colpiti dalla pandemia di Covid può tornare a respirare. Basta dare un’occhiata al proprio profilo Instagram per rendersi conto che qualcosa, nelle città d’arte e località italiane, si sta finalmente muovendo. Secondo le stime, le prenotazioni ammontano già ad oltre il 54% delle strutture d’accoglienza disponibili. L’anno scorso nello stesso periodo la percentuale ammontava al 44%, segno che la confidenza e la voglia di tornare alla normalità dei viaggiatori sono aumentati. Un’indagine svolta da Demoskopica stima l’arrivo di almeno 39 milioni di visitatori fra italiani e stranieri, con una proiezione di 166 milioni di presenze nel periodo estivo. Inoltre, è molto probabile che, come l’anno scorso, il dato prenda ulteriore vigore a ridosso del periodo estivo, con l’apporto delle prenotazioni last-minute.

Quale impatto economico sul settore?

Che il turismo sia un comparto chiave per l‘economia nostrana non è certamente un mistero. Gli ultimi dati pre-Covid stimavano l’incidenza degli introiti dal settore sul Pil nazionale al 13% circa. La scure della pandemia si è abbattuta sia sugli occupati nel settore (meno 347mila nel 2020) sia sulle presenze (233 milioni in meno). Con l’estate 2021, il turismo in Italia recupererà parte del terreno perso. Secondo Assoturismo, le cui previsioni a seguito dello stop di Pasqua erano nere, gli introiti dei prossimi mesi consentiranno di coprire la metà circa delle perdite del 2020. Tuttavia, per tornare ai livelli del 2019 servirà ancora tempo (si tratta di recuperare un punto e mezzo di Pil).

Green Pass europeo per sostenere la ripartenza del turismo

Green Pass Europeo
Green Pass Europeo

Ora il nodo principale allo studio del governo è relativo al Green Pass europeo, su cui aleggiano ancora svariati dubbi. Quel che è sicuro è che il Certificato Covid Digitale UE sarà valido in tutti i Paesi dell’Unione, consentendo ai possessori di viaggiare senza ulteriori restrizioni. Il piano iniziale prevedeva il rilascio del pass in tutta la UE dal primo Luglio, ma l’Italia punta ad anticipare tutto al 15 Giugno. A determinare la scelta il fatto che già altri 7 Stati hanno introdotto il green pass: fra questi, Spagna e Grecia, due dei principali competitors dell’Italia per le destinazioni delle vacanze estive.

 

Leggi anche:

Vacanze Estive 2021: quali sono le mete più gettonate in Italia?

Riapertura 1 Giugno, zona bianca e zona gialla: cosa si può fare?

Laghi e leggende nel Nord Italia: tre destinazioni da non perdere

 

Se hai curiosità, consigli o vuoi saperne di più, contatta la nostra redazione: info@mam-e.it

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *