Passaporto vaccinale
Attualità,  NEWS

Passaporto vaccinale: cos’è, come averlo e da quando arriva

Passaporto vaccinale, dal 15 maggio stop all’obbligo di quarantena: al via green pass italiano ed europeo

L’estate si avvicina, e la campagna di vaccinazione sta entrando nel vivo: molti italiani si chiedono quindi quando si potrà tornare a viaggiare in Italia e all’estero senza restrizioni. Un’importante novità è arrivata oggi: Speranza non rinnoverà l’obbligo di quarantena, in scadenza il 15 Maggio. Da quella data, dunque, entrerà in scena il passaporto vaccinale – altrimenti detto Green Pass -, che consentirà gli spostamenti in Italia. Per il Green Pass europeo, si dovrà attendere la metà di Giugno, ma sarà un tassello fondamentale per la ripresa del turismo. Vediamo nel dettaglio che cos’è il passaporto vaccinale, come è possibile averlo e da quando si potrà utilizzare.

Draghi spinge il turismo per l’estate

l’Italia ha iniziato a vedere la luce in fondo al tunnel già dal 26 Aprile, data in cui è entrato in vigore il nuovo decreto del governo Draghi. Dopo i primi allentamenti delle restrizioni, con annesse riaperture di musei, cinema e teatri, tutti ora guardano all’estate e alla possibilità di tornare a viaggiare. Un segnale di speranza decisivo l’ha dato Mario Draghi, aprendo il G20 che ha riunito i Ministri del Turismo dei principali Paesi. Il premier ha affermato:

Se c’è un Paese intrecciato con il turismo, che vive di turismo, è il nostro. Tutto il mondo vuole venire in Italia, la pandemia ci ha costretti a chiudere temporaneamente ma siamo di nuovo pronti a ospitare il mondo.

Parole d’incoraggiamento per tutto il settore, confermate anche dal ministro Garavaglia, oggi in conferenza in Università Cattolica. Secondo un’indagine, l’Italia sarebbe la destinazione preferita dal 70% degli europei: da questo dato si capisce quanto sia vitale la ripartenza del turismo per il Paese.

Passaporto vaccinale, ecco quando entrerà in gioco

Roberto Speranza

Il 15 Maggio scadrà l’obbligo di quarantena di due settimane per chi arriva nel nostro Paese, e il Ministro della Salute, Roberto Speranza, non sembra intenzionato a prorogarlo. Da quel momento, sarà possibile spostarsi sul suolo nazionale con il nuovo passaporto vaccinale. Un segnale di apertura decisivo, che potrebbe presto coinvolgere anche la questione del coprifuoco, al centro di numerose polemiche fra Lega e altri partiti. Con il procedere della campagna vaccinale, anche se con ancora squilibri a livello regionale, e il calo dei casi di contagio, è lecito attendersi un’estate più libera.

Cos’è il passaporto vaccinale: i requisiti

Il passaporto vaccinale, o Green Pass all’inglese, sarà un vero e proprio lasciapassare, che permetterà al possessore di spostarsi liberamente fra le regioni italiane e all’estero.  È probabile che il pass servirà anche per accedere a manifestazioni con un gran numero di spettatori, come concerti ed eventi sportivi (si pensi agli imminenti Europei). Per ottenerlo, sarà necessario rispettare almeno uno dei tre seguenti requisiti:

  • Essere stati immunizzati (cioè aver ricevuto entrambe le dosi) con uno dei vaccini attualmente autorizzati dall’Ema. Questi sono, attualmente, Pfizer-Biontech, Moderna, AstraZeneca e Johnson&Johnson (monodose).
  • Essere risultati negativi al Covid all’esito di un tampone rapido o antigenico, effettuato da non più di 48 ore. Su questo punto ci sono ancora dubbi, in quanto potrebbe essere necessario un tampone molecolare, più attendibile.
  • Essere guariti dal Covid da non più di 6 mesi.
tampone molecolare

Come averlo e durata

Non ci sono ancora dettagli su come ottenere materialmente il passaporto vaccinale, anche se l’autorità competente dovrebbe essere quella sanitaria. Il formato definitivo dovrebbe essere quello di un pass digitale, ma è verosimile che dal 15 Maggio si possa ottenere un semplice certificato cartaceo. Anche sulla durata non ci sono ancora certezze. Per il momento, pare che possa essere di 6 mesi per i guariti da Covid e i vaccinati e di 48 ore per chi risultato negativo al tampone.

Passaporto vaccinale europeo, che cos’è e come averlo

Il Green Pass europeo consentirà, invece, gli spostamenti fra i Paesi membri dell’Unione Europea. Su questo fronte, tuttavia, si dovrà ancora attendere, in quanto entrano in gioco questioni di coordinamento internazionale ben più complesse. Per esempio, i singoli Paesi dell’UE potrebbero comunque mantenere un obbligo di quarantena, anche per coloro in possesso del lasciapassare. I requisiti per averlo dovrebbero essere gli stessi, ma qualcosa potrebbe cambiare a livello di durata del passaporto vaccinale, rispetto alla versione nazionale. Anche in questo caso, l’obiettivo è lanciare una piattaforma digitale facilmente utilizzabile, per cui lunedì prossimo partirà la sperimentazione. Per il via, si attende la metà di giugno.

Leggi anche:

Il virologo Massimo Galli sul coronavirus è contrario sulle prossime riaperture

Figliuolo Vaccini, confermato il piano e scontro con De Luca

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *