Arte,  Attualità

I BENI CULTURALI AD AMATRICE DANNEGGIATI DAL TERREMOTO

Ministro Franceschini: «Si contano già 293 siti culturali e artistici danneggiati dal sisma nella zona di Amatrice, ricostruire sarà una sfida»

Amatrice è divenuta l’emblema, oltre che della tragedia umana che si sta consumando in questi giorni, anche della perdita e del danneggiamento dei beni culturali presenti nel territorio colpito dal terremoto del 24 agosto.

La città laziale, stima il ministro per i Beni Culturali Dario Franceschini, conta circa 3000 opere d’arte catalogate e a rischio, crepe e macerie sono ormai il nuovo status di importanti edifici come la Torre civica, la Basilica di San Francesco, il Museo Civico, la Porta Ascolana e la storica Biblioteca.

«Ci sono 293 beni immobili di valore culturale crollati o gravemente danneggiati nel raggio di 20 Km dall’epicentro» comunica il ministro facendo un primo punto della situazione. I danni ovviamente si estendono a tutto quel patrimonio d’arte di cui, in varie forme, è ricco il centro Italia. Franceschini spiega che gli organi competenti sono entrati in azione: «Già nelle ore immediatamente successive al terremoto, grazie alla direttiva del 25 aprile 2015 per le emergenze in caso di calamità naturale, figlia dell’esperienza del terremoto in Emilia, ci siamo attivati con i carabinieri del Tpc, che sono gli unici autorizzati al momento dalla Protezione Civile ad arrivare nelle zone più colpite, che sono ancora interdette per motivi di sicurezza anche ai nostri tecnici»

Non solo: «Diventa necessario muoversi nella fase di rimozione delle macerie, perché queste sono  indispensabili per il restauro degli edifici e contengono spesso opere d’arte». Si pone quindi l’accento sulla necessità di restituire alle comunità delle cittadine colpite la loro dignità storica e artistica, oltre che umana. Senza nascondere che sarà una vera e propria sfida riuscire a ridare integrità e aspetto originario agli edifici. Ma le possibilità «ci sono» e già in mattinata il Ministero per i Beni Culturali ha annunciato che l’incasso dei musei statali di domenica 28 agosto verrà destinato ai territori terremotati e alla salvaguardia delle loro opere d’arte.

La solidarietà passa questa volta anche attraverso la cultura e ci stimola tutti a visitare i musei questo fine settimana.

 

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!