G8 Genova 20 anni
Attualità,  NEWS

G8 Genova: nasce “SEMI. GENOVA, 20 anni dopo”

G8 Genova, nasce “SEMI. GENOVA, 20 anni dopo: un altro mondo è ancora possibile”

A distanza di 20 anni dal catastrofico G8 di Genova, che costituì una grande mancanza dei diritti democratici, è stato organizzato un evento commemorativo datato 5-17 luglio 2021. È nata così «Semi. Genova, 20 anni dopo: un altro mondo è ancora possibile». Questo evento ha la finalità di omaggiare le buone riflessioni del catastrofico G8 2001, le cui idee, a causa dei tragici eventi che si verificarono, non vennero mai messe in luce. In quell’occasione si riunirono centinaia di persone che, confrontandosi, analizzarono temi riguardanti l’economia, la salute, l’immigrazione e l’ambiente.

G8 Genova 20 anni

L’omaggio al G8 del 2001

L’evento, nominato «Semi. Genova, 20 anni dopo: un altro mondo è ancora possibile» è organizzato dal Festival dei Diritti Umani, insieme a Radio Popolare, Fondazione Roberto Franceschi e Goodidea Style. La data d’inaugurazione è oggi 5 luglio in diretta radio, mentre la data conclusiva è programmata in presenza il 17 luglio al Teatro della Cooperativa a Milano. Il focus del progetto verte su riflessioni, suoni e immagini riguardanti il G8 e sull’obiettivo di riscoprire la forza delle analisi del Genoa Social Forum. Nell’evento “Semi” ci saranno 9 parole chiave (più 1 pagina nera, quella delle macerie delle violenze), di cui ne sarà pubblicata una al giorno, dal 6 luglio sul sito semidigenova.festivaldirittiumani.it. Ci sarà il contributo di Jennifer Guerra, Andrea Morniroli, Sabina Siniscalchi, Francesco Vignarca, Donatella della Porta e tante altre voci e testimonianze.

Il ricordo di oggi

Queste le parole degli organizzatori del G8 2021:

«Non sono stati solo un buco nero dei diritti democratici, in quell’appuntamento di 20 anni fa si sono ritrovate centinaia di persone che, studiando e discutendo, hanno prodotto analisi sull’economia, la salute, l’immigrazione, l’ambiente che hanno retto alla prova dei fatti. Più che un ricordo occorre un omaggio che faccia risaltare l’attualità di molte riflessioni di allora. La finanziarizzazione dell’economia, lo spolpamento dei beni pubblici a favore dei privati, l’aumento delle disuguaglianze, lo stato di guerra permanente e di controllo sociale, la distruzione dell’ecosistema a favore di pochi gruppi economici sempre più ricchi: tutto scritto nero su bianco».

I fatti del G8 di Genova (2001)

Il G8 di Genova si tenne dal 19 al 22 luglio 2001 e gli eventi verificatisi in città durante il suo svolgimento sancirono un momento tragico per la democrazia italiana e per i diritti civili.

Durante la riunione dei capi di governo dei principali paesi industrializzati, i movimenti no-global e le associazioni pacifiste diedero vita ad azioni di protesta che sfociarono in violenti scontri tra forze dell’ordine e manifestanti. Tra le vicende più tragiche si verificò l’uccisione del manifestante Carlo Giuliani, di 23 anni.

G8 Genova 20 anni

I risvolti legali per lo Stato italiano

Nei sei anni seguenti, ci furono numerose condanne in sede civile verso lo Stato italiano per gli abusi commessi dalle forze dell’ordine. Si aprirono anche procedimenti in sede penale nei confronti di funzionari pubblici per i medesimi reati contestati. Si aprirono poi altri procedimenti contro manifestanti per gli incidenti verificatisi nel corso delle manifestazioni.

Nel 2017, Franco Gabrielli, che all’epoca dei tragici eventi era il capo della Polizia, definì quei giorni come «una catastrofe».

 

Leggi anche:

Green Pass europeo Covid 19: cos’è e come ottenerlo

Lunedì 28 giugno: tutta Italia in zona bianca e stop mascherine all’aperto

Maxi focolaio a Maiorca: 850 ragazzi positivi al Covid dopo concerti e feste

Se hai curiosità, consigli o vuoi saperne di più, contatta la nostra redazione:  info@mam-e.it

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *