DPCM 16 gennaio
Attualità,  Milano

Dpcm 16 gennaio, cosa si può fare? Le nuove regole

DPCM 16 gennaio, cosa si può fare? Le nuove regole che dovranno essere osservate a partire dal 16 gennaio

Dpcm 16 gennaio: a partire da Domenica 16 gennaio, cosa si può fare? Spostamenti, scuola, attività fisica, asporto: ecco le nuove regole da seguire dal 16 gennaio.

Ultimi aggiornamenti: firmato alle 12.44 – Sicilia e Lombardia in zona rossa

Dpcm 16 gennaio: le regioni che cambieranno colore

Con il nuovo dpcm, che entrerà in vigora da domenica 16 gennaio, in molte parti d’Italia si passerà dalla zona gialla alla arancione. Inoltre, in base ai nuovi parametri di rischio lo stesso varrà per le regioni e le province arancioni che diventeranno rosse. Già la settimana scorsa ci sono stati dei cambiamenti. La Calabria, l’Emilia Romagna, il Veneto, la Sicilia e la Lombardia sono diventate arancioni. A queste si aggiungerà la regione Lazio. In particolare, dalle bozze del nuovo dpcm emerge che probabilmente, vista la gravità della situazione, Sicilia e Lombardia diventeranno rosse.

Nuovo Dpcm: cosa si può fare?

Capitolo scuola 

L’attività didattica per le scuole superiori sarà svolta in presenza a partire da Lunedì 18 gennaio. Ciò varrà per tutte le regioni, escluse quelle in zona rossa. Nelle altre si potrà svolgere regolarmente lezione in presenza del 50/70% degli alunni. Tuttavia, le singole regioni potranno adottare misure più restrittive o rinvii in base alla situazione particolare.

Capitolo Asporto 

Data la difficoltà delle autorità di limitare la movida, nonostante il divieto del consumo e della sosta davanti ai locali, il governo ha deciso di adottare nuove misure. Sarà vietato l’aspetto a tutti gli esercizi senza cucina. Si potrà sempre usufruire del servizio a domicilio.

Capitolo Spostamenti

Il nuovo dpcm approvato dal governo Conte prevedrà delle misure di blocco per gli spostamenti tra tutte le regioni fino al 15 febbraio. Rimangano possibili gli spostamenti per necessità, lavoro o salute. Coprifuoco dalle 22 alle 5. Viene introdotta la zona bianca valida per le regioni che per due settimane successive non supererà un tasso di incidenza di 50 positivi ogni 100.000 abitanti. Per le visite a parenti o amici vale la regola di massimo due persone (esclusi dal conteggio minori di 14 anni o disabili) una volta al giorno. Nelle regioni gialle ci si potrà spostare all’interno dei confini regionali. Per i residenti nelle zone arancioni o rosse, invece, non si potrà uscire dal Comune.

Capitolo attività fisica

Fino al 15 febbraio saranno chiusigli impianti sciistici. Chiusi anche palestre, piscine, cinema e teatri nelle regioni gialle, arancioni e rosse. Resta esclusa da tale restrizione la zona bianca. In quest’ultima potranno riaprire i bar e i ristoranti anche la sera rispettando distanziamento e obbligo di mascherina.


leggi anche:

Musei aperti in zona gialla: l’ipotesi nel nuovo Dpcm

Dopo Trump l’America non sarà più la stessa

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *