Cybersecurity
Attualità,  Hi Tech

Cybersecurity, un rischio concreto per tutti: ecco gli indizi

Il tema della cybersecurity è ormai fondamentale: da Biden all’Italia, come si sta attrezzando il mondo

Sempre più citata, la cybersecurity rimane un argomento nebuloso per molte persone, che faticano a darne una definizione e a cogliere le implicazioni nella vita quotidiana. Con la pandemia di Covid-19 e il moltiplicarsi del traffico online, gli attacchi informatici sono aumentati, trovando un terreno fertile. Secondo Luciano Carta, presidente di Leonardo, i governi non sono al passo con la minaccia, e il rischio di hackeraggi alle infrastrutture sensibili è alto. Ecco quali sono i principali provvedimenti che i governi mondiali stanno prendendo.

Cybersecurity, definizione e prospettive

La cybersecurity, o, in termini più generali, sicurezza informatica, può essere considerata come l’attività di difesa e protezione di dispositivi, fissi e mobili, server, dati e sistemi elettronici da potenziali attacchi dannosi. Gli esempi più vicini all’esperienza comune sono i programmi antivirus installati sui computer personali. Quello di cui la maggior parte delle persone non è ancora a conoscenza è la portata dei rischi e le conseguenze legate ad essa. Rischi che sono aumentati in maniera esponenziale con l’arrivo della pandemia di Covid-19, che ha costretto gran parte della popolazione mondiale a trasferire la propria socialità su canali virtuali. L’incremento nell’uso di Internet ha generato un terreno fertile per gli hacker, mettendo a rischio milioni di dati personali.

Le conseguenze, chi è a rischio?

Luciano Carta

Come evidenziato da Luciano Carta, presidente di Leonardo, nell’intervista di Repubblica, la minaccia degli attacchi informatici, pur se non direttamente percepibile, agisce su più livelli. Da un punto di vista macro:

una delle minacce più serie alla sicurezza nazionale giunge proprio dall’eventualità che uno o più attacchi cyber minino l’operatività di infrastrutture che erogano servizi essenziali per i cittadini come energia, trasporti, sanità, banche, telecomunicazioni.

A livello micro, invece, ci sono i sempre maggiori furti di identità virtuali, che si tratti di social media o di conti correnti. Le conseguenze economiche sono, dunque, una possibilità tutt’atro che remota.

Cybersecurity, quali contromisure?

Biden e Putin

Al momento, il tema della sicurezza informatica è in testa all’agenda di molti leader mondiali. Lo ha messo subito in chiaro Joe Biden, che ne ha discusso con Putin, non senza qualche attrito. Il recente attacco hacker ad un oleodotto americano ha spinto il presidente ad accelerare i discorsi in corso sull’argomento. Uno dei punti più critici nella lotta agli attacchi informatici è, infatti, il coordinamento delle normative internazionali e il raggiungimento di accordi comuni. A questo devono seguire, sostiene Carta, flessibilità e tempestività sul piano operativo. Da questo punto di vista, la strada da fare è ancora lunghissima. Basti pensare che in Italia l’istituzione di un’Agenzia per la Cybersecurity risale al decreto-legge di dieci giorni fa, 14 Giugno 2021. Un primo passo verso in un percorso che si dovrà costruire, anzitutto, sulla consapevolezza di ogni cittadino.

 

Leggi anche:

Android 12: cambia la privacy e nuove funzioni

Crypto Art, NFT e Blockchain: tra opportunità e pericoli

Sky Wi-Fi: tutto quello che c’è da sapere sulla nuova rete Internet

 

Se hai curiosità, consigli o vuoi saperne di più, contatta la nostra redazione:  info@mam-e.it

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *