versione Grillo
Attualità,  NEWS

Ciro Grillo: l’inchiesta “privata” di Beppe sulla ragazza stuprata

Beppe Grillo ha avviato un’inchiesta privata sulla ragazza che accusa il figlio Ciro di stupro

Il garante del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, ha chiesto l’avvio di un’indagine conoscitiva su Silvia, la 19enne italo-svedese che secondo l’accusa è stata stuprata da Ciro Grillo, figlio di Beppe, Francesco Corsiglia, Edoardo Capitta e Vittorio Lauria.

Dopo il video pubblicato sui social in difesa del figlio, Grillo fa un passo in più. Ha deciso di concentrare l’attenzione sul filmato che aveva citato sui social e che ritrarrebbe i quattro ragazzi accusati proprio durante la sera del presunto stupro.

L’inchiesta privata di Beppe Grillo sul caso del figlio Ciro

Grillo

Beppe Grillo avrebbe dato mandato al professionista Marco Salvi, noto per essersi occupato dell’omicidio di Carlo Giuliano e del serial killer Donato Bilancia, per analizzare i video e le foto di quella sera presi dai cellulari dei ragazzi. Tra questi, in particolare, ce ne sarebbe uno piuttosto significativo perché riprenderebbe la violenza di gruppo.

Inoltre, l’inchiesta privata voluta da Grillo avrebbe come scopo quello di indagare sulla ragazza e su quanto quella sera fosse ubriaca o capace di intendere e di volere. L’intento è ricostruire per intero la personalità e i comportamenti di Silvia, rimasta vittima, a quanto pare, non solo di una tremenda violenza ma anche di un pesante caso mediatico.

Le divisioni interne al gruppo degli accusati

Grillo

L’inchiesta di Beppe Grillo potrebbe portare a nuovi scontri. Infatti, la Procura di Tempio Pausania per il momento sta decidendo se chiedere il rinvio al giudizio per i quattro ragazzi, o solo per alcuni di loro. Infatti, il gruppo degli accusati si sta sempre più dividendo.

Francesco Corsiglia, infatti, si è smarcato con gli inquirenti raccontando la sera in modo diverso dagli altri ragazzi. Ai magistrati, infatti, ha detto che durante il sesso di gruppo stava dormendo, ma che aveva comunque avuto precedentemente un rapporto consensuale con Silvia.

Prima di lui, anche Vittorio Lauria si è discostato dal resto del gruppo attraverso un audio, dove si è dissociato dal video pubblicato da Beppe Grillo. In particolare, ha contestato le critiche del fondatore del M5S sui giorni trascorsi prima della denuncia da parte della ragazza.

Verranno messe al vaglio immagini e video, fondamentali per provare lo stupro. Corsiglia ha affermato di non essere presente in nessuno di questi, neanche in quel selfie scattato durante il rapporto con Silvia che ritrae Ciro Grillo, Vittorio Lauria e Edoardo Capitta. Proprio quest’ultimo sembra essere l’unico rimasto vicino a Ciro.

Inoltre, Corsiglia non sarebbe presente nemmeno nelle immagini pornografiche ritraenti Roberta, l’amica di Silvia, che si trovava in un’altra stanza intontita dalla vodka. Proprio queste immagini hanno aperto una seconda accusa di violenza sessuale, all’interno della quale non emergerebbe il nome di Corsiglia.

Leggi anche:

Caso Grillo: Ciro, il figlio di Beppe, accusato di stupro

Caso Ciro Grillo: escono i video shock dello stupro

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *