Astrazeneca giovani
Attualità,  NEWS

AstraZeneca, bloccato un lotto: il nuovo vaccino è sicuro?

Bloccato una lotto del vaccino AstraZeneca: deceduti tre militari in Sicilia, necessari accertamenti. Ema e Aifa rassicurano, Speranza, “tutti i vaccini utilizzati sono sicuri”

Oggi l’agenzia del Farmaco ha bloccato l’inoculazione di un lotto del vaccino AstraZeneca, a seguito del decesso di tre militari di stanza in Sicilia. Al momento nessuna evidenza di causalità  fra la profilassi e il decesso. Dal ministro Speranza all’Ema e Von Der Leyen, piovono rassicurazioni sulla bontà del vaccino contro il Covid, ma aumenta l’incertezza.

Bloccato l’utilizzo di un lotto Astrazeneca: ecco cosa è successo.

Dopo le segnalazioni di tre morti sospette a seguito della vaccinazione con AstraZeneca, è arrivata la sospensione del lotto ABV2856. Le fiale erano già state distribuite su tutto il territorio nazionale. Il motivo, in base alle parole di Nicola Magrini, direttore dell’Aifa, è precauzionale, con lo scopo di svolgere “esami sulla qualità del prodotto e verificare le circostanze”. Giuseppe Maniscalco, Stefano Paternò e Davide Villa sono i nomi dei tre militari deceduti in Sicilia, dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino, autorizzato a fine gennaio dall’Ema. I primi accertamenti identificano la trombosi come causa del decesso, ma non vi sarebbe alcuna relazione con la somministrazione, secondo l’Aifa. Al momento, tolto il ritiro della partita incriminata, in Italia non sono stati presi altri provvedimenti riguardo AstraZeneca.

 

Vaccino AstraZeneca

Inviti a fiducia e tranquillità, le dichiarazioni

La risposta dalle autorità sanitarie e politiche è stata immediata. L’Ema (Agenzia Europea per i Medicinali) ha registrato finora 30 decessi in UE a fronte di 5 milioni di inoculazioni del vaccino AstraZeneca. Con un comunicato ufficiale, l’agenzia ha ribadito che il prodotto è sicuro. Netta anche la presa di posizione del Ministro della Salute, Roberto Speranza:

Negli ultimi due giorni abbiamo somministrato circa 200 mila dosi ogni 24 ore. In Italia tutti i vaccini utilizzati sono efficaci e sicuri e il vaccino è l’arma fondamentale che abbiamo per superare questa fase.

 

Roberto Speranza

 

Il premier Mario Draghi si è confrontato con Ursula Von Der Leyen per via telefonica e ha avuto le conferme che cercava. Su oltre 10 milioni di dosi somministrate finora in UE, il vaccino AstraZeneca non mostra dati preoccupanti. Tuttavia, cresce l’incertezza degli italiani, e il rischio di una psicosi collettiva non è da sdoganare con troppa facilità. Da monitorare soprattutto gli insegnanti, la categoria che più di tutte in questi giorni sta ricevendo il vaccino di AstraZeneca.

Leggi anche:

ITALIA VERSO LE VACANZE DI PASQUA: C’È L’IPOTESI DI UN NUOVO LOCKDOWN

OVH, DOWN PERSISTE, QUANDO SI POTRÀ RIACCEDERE AI SITI?

PREVISTA CHIUSURA WEEKEND, QUALI RESTRIZIONI DAL NUOVO DPCM

 

Se hai curiosità, consigli o vuoi saperne di più, contatta la nostra redazione: info@mam-e.it

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *