wopart 2020
Arte

Wopart 2020 – Ultimi giorni, non mancare!

WOPART 2020 – “Senza crisi non ci sono sfide”. Ultimi giorni per la virtual fair direttamente da casa tua, non mancare!

La quinta edizione della WopArt-Work on Paper Fair di Lugano, inaugurata lo scorso 26 novembre, volge al termine. La fiera è accessibile da tutti gli utenti attraverso una piattaforma online (ospitata da Kunstmatrix e sviluppata da We Web Company) visitabile fino al 27 dicembre 2020.

Siete ancora in tempo per ammirare la vasta selezione di opere su carta proposte. Un totale di 45 gallerie e 400 opere  esposte sulle pareti di padiglioni virtuali. Da tablet, computer o smartphone i visitatori possono ancora esplorare le opere su carta, contattare gli espositori e acquistare i capolavori. Serve solo registrarsi gratuitamente inserendo un contatto mail valido.

La Virtual Fair rimane fedele alla grande varietà di prezzi (da 500 a 15.000 euro) e di offertaWOPART ha infatti raccolto adesioni di gallerie internazionali, tra cui la Galerie Jean-Francois Cazeau (Francia), la Thole Rotermund Kunsthandel (Germania) e molte altre. Mentre nel panorama italiano, evidenziamo nomi che ne hanno decretato il successo, quali Massimo De Carlo, Lia Rumma,e Glenda CinquegranaTornabuoni.

Seguono alcune tra le opere protagoniste di Wopart 2020:

Ilya Emilia Kabakov, The chess game (2003) esposta dalla Galleria Lia Rumma.

Ilya and Emilia Kabakov The Chess Game, 2003 Drawing, colour pencils on paper 27x36,5 cm
Ilya and Emilia Kabakov, The Chess Game.

 

Francis Picabia, Contre l’embarras (1924), opera esposta dalla Richard Saltoun Gallery.

Picabia Contre l'embarras
Francis Picabia, Contre l’embarras

Gustav Klimt, Studio per il ritratto di Adele Bloch-Bauer (1903) esposto dalla Galerie Wienerroither & Kohlbacher (Vienna).

Gustav Klimt STUDY FOR THE PORTRAIT OF ADELE BLOCH-BAUER, 1903
Gustav Klimt, Studio per il ritratto di ADELE BLOCH-BAUER.

Vik Muniz, Weeping Woman, After Picasso (2007), esposta dalla Galleria VitArt, Svizzera.

Vik Muniz, Weeping Woman, After Picasso (particolare), 2007, galleria VitArt (Svizzera)
Vik Muniz, Weeping Woman, After Picasso (particolare).

Veronique Arnold, Ecriture Lumineuse, dalla Buchmann Galerie.

Veronique Arnold, Ecriture Lumineuse
Veronique Arnold, Ecriture Lumineuse

Inoltre, l’edizione fisica della fiera avrebbe previsto due grandi mostre collaterali:

  1. La prima dedicata ai capolavori su carta della collezione di Bnp Paribas che è stata invece ospitata ugualmente negli spazi virtuali della fiera;
  2. La seconda esposizione riprogrammata per il 2021, sarà caratterizzata da una carrellata di acquerelli di Hermann Hesse, custoditi nella fondazione Hesse di Montgnola in Svizzera

La fiera è promossa da una campagna su media digitali, tra cui ArtPrice, ArtNews e Corriere.it. Se non l’hai ancora fatto, è proprio il caso di gettare un occhio a questa versione online di WOPART, non perdere l’occasione!

Può interessarti anche: 

miart 2021 confermata

Expo 2021. Il David di Michelangelo in 3D. Nuove tecnologie

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *