,

Vittorio Sgarbi porta Caravaggio al MART: parallelismi d’autore

Vittorio Sgarbi porta Caravaggio al MART: parallelismi d’autore

Esposizione al MART a cura di Vittorio Sgarbi: Caravaggio il Contemporaneo

L’esposizione “Caravaggio il Contemporaneo” organizzata da Vittorio Sgarbi presso il Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto (MART) sarà disponibile da domani, venerdì 9 ottobre, fino al 14 febbraio 2021.

L’attuale presidente del museo, Vittorio Sgarbi, ha pensato a quest’esposizione come l’occasione per unire l’eccellenza di un pittore della tradizione italiana, come Michelangelo Merisi, alla modernità un luogo quale il MART. In questo modo, l’effetto è stato quello di rendere ancora più attuale l’arte di un artista che già per la sua epoca era all’avanguardia.

L’opera di recupero

Il cuore della mostra è il dipinto “Il seppellimento di Santa Lucia“, quadro che Caravaggio dipinse nel 1608, lo stesso anno in cui fuggì da Malta per rifugiarsi in Sicilia. Non a caso è proprio in terra sicula che l’opera è rimasta per tutti questi anni: inizialmente all’interno della chiesa di Santa Lucia al Sepolcro di Borgata (Siracusa) e successivamente in quella di Santa Lucia ad Ortigia.

Purtroppo per tutto questo tempo il dipinto è stato conservato in condizioni disastrose ed il suo stato attuale è risultato preoccupante. Motivo per cui, per garantire i costi di manutenzione e di restauro (130 mila euro), Vittorio Sgarbi ha chiesto in prestito l’opera al Fondo edifici di culto del ministero dell’Interno.

caravaggio al mart
Il seppellimento di Santa Lucia – Caravaggio (1608).

Caravaggio al MART in dialogo con Burri e Pasolini

L’esposizione al MART è stata pensata in un parallelismo con Alberto Burri e Pier Paolo Pasolini, due personaggi che nell’immaginario comune si sono conquistati il ruolo di chi è stato in grado di mettere a nudo la realtà.

Così la mostra si configura come un percorso di rimandi continui tra le opere d’arte di Caravaggio, la biografia di Pasolini e il lavoro creativo di Burri.

Un primo parallelismo è da identificare tra la parte alta del Seppellimento di Santa Lucia ed il silenzio e il vuoto che caratterizzano i quadri di Alberto Burri. Si tratta dello stesso luogo fisico e spirituale espresso attraverso un medesimo linguaggio distante 3 secoli.

caravaggio al mart
Cretto di Alberto Burri (1975).

Un secondo parallelismo emerge se consideriamo la parte bassa del dipinto di Caravaggio, in cui si vede propriamente il martirio fisico di Santa Lucia, e la fotografia del corpo del poeta. Non solo si trovano nella stessa posizione, esanimi, ma si trovano ad essere vittime e voce di una stessa violenza.

caravaggio al mart
Corpo di Pier Paolo Pasolini senza vita.

 

Leggi anche:

Dubai expo 2020: il David di Michelangelo per l’italia

Nuove scoperte sulla Gioconda di Leonardo: realizzata con lo spolvero

La mostra di Frida Kahlo -Il caos dentro- alla Fabbrica del Vapore di Milano

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Redazione MAM-E
Meet the author / Redazione MAM-E

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>