Lorenzo Marini
Arte

Viaggio tra le installazioni di Marini al Santa Maria della Scala

Il Santa Maria della Scala a Siena propone “Di segni e di sogni” (fino al 20 ottobre) non una mostra tradizionale, ma un viaggio itinerante tra cinque installazioni di Lorenzo Marini

Lorenzo Marini, Di segni e di sogni; dal 20 luglio al 20 ottobre al Santa Maria della Scala, Siena.

Il Santa Maria della Scala di Siena inaugura la mostra personale di Lorenzo Marini “Di segni e di sogni” a cura di Luca Beatrice. 

“Le lettere sono i nostri pensieri e diventano parole quando toccano terra, diventano logica quando stanno in rapporto con lo spazio. Tutto è sospeso come il futuro che verrà. Noi non abbiamo bisogno di nuovi spazi ma di nuovi orizzonti, l’arte deve quindi arricchire la nostra mente, stimolare il nostro vivere, darci gioia, piacere, entusiasmo…”.

Lorenzo Marini
Lorenzo Marini

Il percorso della mostra di Marini a Siena

La mostra si compone di cinque “momenti”, tra cui una personale in sala San Pio con 22 opere mixed media su tela, che racchiudono le ricerche iniziali dell’artista sul type e sugli alfabeti. Mentre seguono altre installazioni che rappresentano storie visive dell’alfabeto ricreato che dialogano con le opere d’arte ‘strutturate’ del Santa Maria, arricchendo il dialogo continuo tra antico e classico. 

marini Siena
Pioggia di lettere sospese nella sala di San Galgano, Santa Maria della Scala, Siena.

Tra queste “MirrorType” nella Cappella del Manto, il monolite che si accende e si spegne nella sala Sant’Ansano, la rappresentazione della tastiera QWERTY e la pioggia di seimila lettere sospese tra le volte della sala San Galgano. Tutte accompagnate da una colonna sonora appositamente creata da Mariella Nava. 

Negli spazi del Santa Maria della Scala e non solo: 

Oltre agli spazi museali dello Spedale Santa Maria della Scala, Lorenzo Marini realizza per Piazza del Campo  un alfabeto scomposto: 35 lettere ‘liberate’. Si tratta di un’opera interattiva attraversabile e percorribile, dove il pubblico da spettatore passivo diventa soggetto attivo nella creazione del messaggio artistico.

“Siena è una città unica al mondo, una cornice culturale dove l’importanza della tradizione viene celebrata per contrasto da un linguaggio così innovativo e sperimentale. Per me le lettere sono nate libere e come gli uomini sono creature sociali ma anche individuali.” 

Piazza del Campo, Siena
Piazza del Campo, Siena

La mostra è aperta tutti i giorni dalle 10 alle 19 (ultimo ingresso alle 18). Ed il biglietto della mostra è incluso nel biglietto di ingresso al museo.

Leggi anche:

I dipinti nascosti di Aubusson. Siena, sei secoli di arte

Siena con gli occhi di un bambino: mostra fotografica

Nuova mostra al MUDEC: IO SONO/I AM

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *