Arte

UNA FIERA INTERNAZIONALE, THE ARMORY SHOW

All So Fucking African di Ed Young è ironica e pungente. È un’opera site specific di denuncia contro la prostituzione. Sarcastica, la performance Alternate Art Fair di Karo Akpokiere, dura quattro giorni e si prende gioco del più patinato mondo dell’arte. A firmare queste due opere sono due degli otto artisti africani invitati da Julia Grosse e Yvette Mutumba, a esporre nella sezione speciale dedicata al continente nero.

Qui, oltre a progetti attualissimi, ci saranno incontri per discutere sulle diverse pratiche artistiche, curatoriali e di collezionismo tipiche dell’Africa. Confermando così come The Armory Show al Pier 92 & 94 di Manhattan sia ormai la fiera più internazionale del momento, quest’anno nella sua ventiduesima edizione con duecento quattro gallerie provenienti da trentasei paesi. Rappresentanti di opere di arte moderna del XX° secolo, di artisti attualmente sulla cresta dell’onda e quelli sui quali vale la pena scommettere.

Dipinti, sculture, video istallazioni, ma anche design come NOIR di Stephen Burks. Un progetto site-specifica composto da tre diverse lampade a sospensione, assemblate a mano, che poi verranno replicate in edizione limitata in diciotto pezzi. Al centro è  l’idea di creare un’unione tra le tradizioni artigianali e l’industrial design contemporaneo, con risultati sorprendenti.

 

Armory Show

Dal 3 al 6 marzo

Piers 92 & 94, New York City

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!