Artemisia Gentileschi
Arte,  Milano

Artemisia Gentileschi icona della lotta delle donne sui diritti

Artemisia Gentileschi icona della lotta delle donne sui diritti

Artemisia Gentileschi. Nata a Roma nel 1593, figlia del pittore Orazio Gentileschi di cui superò la fama, e scomparsa a Napoli nel 1653. Fu icona della lotta delle donne per affermare la parità dei diritti fra i generi.

Lottò per affermare la propria indipendenza e per potersi confermare artisticamente. Non senza incorrere però in pregiudizi e sfortune. Negli anni Settanta del Seicento, a partire dalla notorietà assunta dal processo per stupro ad essa intentato, diventò quindi un simbolo del femminismo internazionale.

Artemisia Gentileschi a Napoli nel 1630:

Trasferitasi a Napoli nel 1630 contribuì alla diffusione del caravaggismo nella città partenopea con la sua pittura in cui si mescolava il limpido rigore disegnato assunto dal padre, intriso a una forte carica drammatica e teatrale di sua impronta.

Celebrata oggi a Milano con l’intitolazione del giardino dell’area verde tra viale Legioni Romane e via Primaticcio, al civico 54. Grazie alla decisione presa dal Consiglio di Zona 6 e dalla Giunta comunale che hanno approvato la nuova denominazione.

Costituisce un omaggio importante a una figura dall’altissima statura artistica, oltre che umana, ma anche un raro esempio passato alla storia di grande artista al femminile, alla cui opera è stata dedicata nel 2011 una grande mostra a Palazzo Reale visitata da oltre 160 mila visitatori.

Simon Vouet, Ritratto di Artemisia Gentileschi (1623). Pisa, Palazzo Blu.

Puoi leggere anche:

A. Gentileschi: il doodle di google

La Gentileschi pittrice. Una personalità formidabile

I terribili dipinti di Artemisia Gentileschi

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!