Mame arte TRAINING HUMANS_ VA IN SCENA L'INTELLIGENZA ARTIFICIALE La mostra
Arte,  Fotografia

“TRAINING HUMANS”: VA IN SCENA L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE


Si chiama “Training Humans” ed è la nuova mostra ospitata all’Osservatorio Fondazione Prada fino al 24 febbraio 2020.

L’ interessantissima esposizione Training Humans, è concepita dalla professoressa e studiosa nell’ambito dell’intelligenza artificiale Kate Crawford e dall’artista e ricercatore Trevor Paglen . Si tratta un repertorio di fotografie utilizzate dagli scienziati per insegnare ai sistemi di intelligenza artificiale come “vedere” e classificare il mondo.

Obiettivo della mostra

“Training Humans’ ha l’obiettivo di ‘aprire le scatole nere’ dell’intelligenza artificiale, affrontando preconcetti, supposizioni, errori e posizioni ideologiche.

La mostra fotografica  propone due interrogativi essenziali: “quali sono i confini tra scienza, storia, politica, pregiudizio e ideologia nell’intelligenza artificiale”? e “chi ha il potere di costruire questi sistemi e di trarne benefici?”. La risposta è lasciata all’interpretazione di ognuno.

Mame arte TRAINING HUMANS: VA IN SCENA L'INTELLIGENZA ARTIFICIALE Training Humans
Training Humans

L’esposizione

Training Humans consiste in un tecnologico viaggio temporale che affonda le sue radici nei primi anni Sessanta e arriva fino a oggi. Fornendoci una dettagliata ricostruzione storica dei primi esperimenti computerizzati di riconoscimento facciale finanziati dalla CIA per permettere il monitoraggio di persone da parte di soggetti governativi e commerciali.

“In questa mostra – scrivono gli organizzatori – Crawford e Paglen esplorano l’evoluzione delle collezioni di immagini di training dagli anni Sessanta a oggi. La loro ricerca evidenzia come soggetti pubblici e privati impiegano le immagini personali condivise online come materia prima per la classificazione e la sorveglianza degli individui. Il pubblico ha l’opportunità di osservare dall’interno le tecnologie di intelligenza artificiale che si sono diffuse nella nostra società come il riconoscimento facciale e dell’andatura, la sorveglianza biometrica e anche la mappatura delle emozioni”.

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *