Arte

Seconda Chance: Eugenio Tibaldi in mostra a Torino

La periferia di Eugenio Tibaldi ha una Seconda Chance al Museo Ettore Fico di Torino

Al Museo Ettore Fico di Torino è stata inaugurata il 27 ottobre la mostra Seconda Chance di Eugenio Tibaldi (Alba, 1977). Curata da Andrea Busto e aperta al pubblico fino al 29 gennaio, l’esposizione nasce dalla lunga permanenza dell’artista di Cuneo nel quartiere «Barriera di Milano», a Torino, dove si è trasferito nel 2016, dopo cinque anni nell’hinterland napoletano. Il quartiere – che negli ultimi tempi ha suscitato particolare interesse, grazie anche al ciclo di affissioni Opera viva di Alessandro Bulgini – viene raccontato da Tibaldi attraverso la sua storia sociale e la morfologia delle fabbriche, che gli sono tanto care, ma soprattutto nel contatto con gli abitanti, veri protagonisti dei mutamenti climatici ed estetici a cui si è assistito in questi anni.

Sempre al centro del suo percorso artistico, il luogo periferico è quello prediletto da Tibaldi per raccontare delle storie altre, più autentiche, che non hanno a che fare con la storia con la «S» maiuscola, ma da questa sono messe da parte. Lo studio che sta dietro questo racconto non è mai archivistico, semmai cantieristico, ma vuole essere più la testimonianza di un vissuto sentito dall’artista e un mezzo con cui può arrivare a rappresentare la contemporaneità.

Nel racconto raccolto troviamo sia lavori di ultima fattura che altri realizzati appositamente per la mostra (la fontana sul terrazzo del museo). Si tratta di opere realizzate con oggetti di recupero come ready-made. Tubi, lavandini, scarpe, specchi, bancali di legno a cui si ridà una loro funzionalità in virtù della loro auraticità come testimonianza di un passato. In un gioco al contrario, dove l’oggetto non è decontestualizzato per diventare arte, ma, lo si priva della sua artisticità per tornare al senso dell’architettura, nell’intesa tra forma e funzione (Tibaldi). Questa funzione è la piazza, simbolo di incontro e aggregazione per una piccola comunità. Moore docet.

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!