,

MUZING: L’APP CHE È UN CAPOLAVORO

MUZING: L’APP CHE È UN CAPOLAVORO

È arrivata da poco tempo anche in Italia: Muzing è l’applicazione per smartphone e tablet per incontrarsi e conoscersi al museo!

È già stata definita l’anti-Tinder ma in realtà Muzing gli somiglia molto di più di quanto si possa pensare. Il sistema di connessione tra simili rimane invariato, come lo rimangono i match, le conversazioni in chat e la geolocalizzazione di utenti e mostre, con la funzione Near Me.

Solo che in questo caso l’app rivoluzionaria mette al centro dell’attenzione gli interessi culturali degli individui e l’amore per i musei.

IN PRINCIPIO ERA LA NECESSITÀ

Uno studio americano rileva che il 22% degli utenti rinuncia ad una visita museale perché non ha un “compagno di museo”, un amico o un partner con cui condividere la passeggiata culturale.

Da qui nasce l’idea di Muzing: mettere in connessione persone affini, con i potenti strumenti digitali, e favorire gli incontri interpersonali. Culturaliv, la società francese che ha dato vita all’applicazione, ha ritenuto necessario valorizzare musei e gallerie d’arte, strumenti dal prestigio inestimabile.

I grandi saloni affrescati diventano, quindi, luoghi di incontro, di nuove conoscenze, di amicizie e chissà…di romantiche storie d’amore. Momenti di socialità e di crescita interpersonale creano un ponte unico tra futuro e storia. Uno strumento di condivisione della conoscenza e di diffusione culturale.

LOVERS END ART LOVERS UNITED

“Amanti e amanti dell’arte uniti” Questo è lo slogan di Muzing, definita il Tinder della cultura. Un’idea strabiliante in cui la tecnologia (finalmente) corre in aiuto dei rapporti interpersonali e della cultura.

La nostra mission è ispirare la creatività attraverso connessioni umane significative, mostra dopo mostra.

– Il Team di Muzing

I progettisti – Aurèlie Hayot, Timothy Heckscher e Fabien Brossler – hanno studiato per l’app una struttura semplice e non dissimile da una comune chat di incontri.

In maniera intuitiva, dopo la registrazione, si entra in contatto con la community e con gli utenti più affini – e più vicini geograficamente – ai nostri interessi artistici.

Di diverso c’è che in questa piattaforma globale, i musei di tutto il mondo calendarizzano le mostre e le esposizioni, aprendo le porte anche ai loro ristoranti e bistrot.

Il primo museo italiano a prendere posto nell’agenda aggiornata di eventi di Muzing è stato il Museo Madre di Napoli, il cuore dell’arte contemporanea in territorio partenopeo. A seguire il Museo del Novecento, Fondazione Prada e il Pirelli Hangar Bicocca, tutti nel capoluogo meneghino. 

Insomma, se al principio poniamo le affinità culturali, in cima le relazioni interpersonali e come collante una dolcissima visita in una galleria d’arte, ecco allora che avremo un risultato sorprendente!

Si sa, il Bello genera Bello. E Muzing è un vero capolavoro!

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Susanna Ferrari
Articoli dell'Autore / Susanna Ferrari

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>