Arte

LO SCINTILLANTE MONDO DI MURAKAMI TAKASHI

Il più grande artista contemporaneo giapponese in mostra a Bologna fino al 25 febbraio 2017

Murakami Takashi e il linguaggio pop del Sol Levante per la prima volta nella città felsinea con una personale di 30 opere, alla Galleria Cavour.

Inoltre, in esclusiva, nella boutique Louis Vuitton, esposta una selezione di pezzi originali provenienti dalla collezione dell’archivio della Maison, creati dall’artista nel 2003, quando realizzò per LV i cartoni animati Superflat Monogram, e nel 2009 il sequel Superflat First Love.

La mostra, organizzata da Contemporary Concept, è inserita nelle celebrazioni ufficiali del 150° Anniversario delle relazioni tra Giappone e Italia.

Nell’ambito di ART CITY Bologna, in occasione di ARTE FIERA 2017, un evento pensato, ospitato e allestito all’interno di Galleria Cavour, lo spazio glam bolognese che riunisce, nel cuore del Quadrilatero medioevale bolognese, alcuni tra i brand di spicco della moda internazionale.

Dopo il recente restyling, firmato dal Light designer Mario Nanni, Galleria Cavour si pone come Concept di Luxury Art Center, un luogo dove moda, arte, design ed eventi accompagnano ogni giorno lo shopping di migliaia di visitatori italiani e stranieri.

L’artista Murakami Takashi ha creato attraverso la Hiropon Factory, oggi KaiKai Kiki Co., uno straordinario mondo intriso di tradizione giapponese e cultura pop, dove ha sublimato le paure più forti della società nipponica, come la bomba atomica (grande spauracchio della sua generazione) e lo tsunami, quest’ultimo raccontato ed esorcizzato nel recente ciclo di Arhat, presentato nel 2014 a Palazzo Reale, a Milano.

Un universo, quello di Murakami, in movimento continuo tra tradizione e mercato, da una parte il nihonga (pittura tradizionale) e dall’altro il mondo otaku (subcultura giapponese), termine con il quale vengono chiamati i “nerd” giapponesi, dediti a manga, anime e travestimenti cosplay.

Murakami è anche, come dicevamo, legato al mondo della moda – famosissime le sue incursioni con Louis Vuitton, Marc Jacobs, Vans, Issey Miyake – della musica, con William Pharrell e Kanye West, sempre con l’intento di creare un mondo kawaii (carino e dolce), ma solo all’apparenza.

Come scrive Alessia Marchi nel testo critico: “Le minacce passate e presenti in cui Murakami è immerso costituiscono, nell’immaginario popolare della società giapponese a tutti i livelli, elementi fondamentali per comprendere lo sviluppo della subcultura otaku; con questo termine viene chiamato chi si dedica appassionatamente e quasi esclusivamente ai manga (fumetti) agli anime (cartoni animati) e ai videogiochi. […] Le sue radici culturali, la formazione, l’educazione ricevuta, tutto questo confluisce nel personalissimo modo di rappresentare il suo universo pieno di riferimenti alti e neo-pop, elementi tradizionali e psichedelici, un mirabolante mondo animato da creature fantastiche…

 

KIRAKIRÀ: lo scintillante mondo di Murakami Takashi

Mostra a cura di Alessia Marchi

Fino al 25 febbraio 2017 alla Galleria Cavour, Bologna

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!