,

LE SPETTACOLARI CREATURE DI THEO JANSEN

LE SPETTACOLARI CREATURE DI THEO JANSEN

Al Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia, le straordinarie installazioni cinetiche dell’artista olandese Theo Jansen.

Il Museo presenta, per la prima volta in Italia, le opere dell’artista olandese Theo Jansen che, grazie alle sue creature da spiaggia, incanta e regala un senso di meraviglia. Creature ibride, dall’aspetto zoomorfo che si muovono sfruttando la spinta del vento.

Theo Jansen’s Strandbeest

Theo Jansen e le sue creature

Jansen è prima di tutto un fisico che, subito dopo la sua formazione accademica, si è dedicato a questa forma d’arte che univa la cinetica al mondo animale. La sua prima esperienza di arte cinetica  risale al 1980, quando con un disco volante  nero, realizzato su un’ossatura di tubi in PVC, seminò il panico. Il disco volava nel cielo di Delft, sostenendosi in aria grazie all’elio con cui era riempito. Per di più il suol volo era accompagnato dall’emissione di un segnale acustico e l’accensione di luci lampeggianti.

Definito dalla critica internazionale un moderno Leonardo da Vinci, l’artista ama coniugare il sapere scientifico a suggestioni di carattere umanistico. Spaziando da sperimentazioni sulla cinetica e la meccanica all’esaltazione della natura e della bellezza.

Theo Jansen’s Strandbeest

Fin dal 1990, Jansen sperimenta tecniche di ingegneria meccanica, costruendo scheletri di tubi di plastica e riuscendo a farli muovere. Ogni animale ha uno stomaco che funge da centro di controllo che trasforma l’energia cinetica data dal vento in movimento, creando così delle sculture capaci di vivere da sole. Capaci di modificare il proprio comportamento su base percettiva, di rispondere autonomamente al loro ambiente attraverso semplici sensori. Pensate che queste creature possono rilevare una marea e optare per un percorso differente. Le Strandbeests sono in grado di incanalare aria dentro bottiglie come fossero organi interni . Così da alimentare il loro movimento anche in assenza di forze esterne.

Come suggerisce il nome, Strandbeests, che in olandese significa animali da spiaggia, hanno effettivamente le sembianze di animali. A renderle più realistiche è il fatto che grazie a un meccanismo studiato ad hoc per il progetto, queste sculture sembrano camminare e strisciare lungo le spiagge dell’Olanda.

Theo Jansen

La mostra

La mostra Dream beasts sarà visitabile dal 20 febbraio al 19 maggio al Museo della Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano. Con questi orari: da martedì a venerdì dalle 9:30 alle 17:00, sabato e festivi dalle 9:30 alle 18:30.

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Bruna Meloni
Meet the author / Bruna Meloni

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>