LA PRIMA STRISCIA PEANUTS: QUANDO NACQUE SNOOPY

LA PRIMA STRISCIA PEANUTS: QUANDO NACQUE SNOOPY

Il 2 ottobre 1950 viene pubblicata la prima striscia dei Peanuts, la strip che ha rivoluzionato il mondo del fumetto.

Ma iniziamo dal principio. “Era una notte buia e tempestosa“… O forse no.

Era il 1950 – questo è sicuro – e Charles Monroe Schulz, un giovane fumettista del Minnesota, vendeva i diritti della sua striscia alla United Feature Syndicate, una società che distribuiva serie a fumetti ai quotidiani.

La serie dei Peanuts però nasceva dall’originaria Li’l Folks, letteralmente Personcine, che Schulz, dal 1947, pubblicava settimanalmente su un giornale locale.

La società distributrice, per rendere più appetibile il prodotto, impose alcune modifiche al giovane autore. Cambiò il nome del fumetto in quello che tutti noi oggi conosciamo. Ma quel nomignolo ridicolo, Peanuts, non andò mai a genio al giovane Schulz. Inoltre, la United Feature decise di pubblicarla a strisce, chiedendo al fumettista di modificare il formato della nuvoletta.

LA PRIMA STRISCIA PEANUTS

La prima striscia Peanuts fu quindi pubblicata il 2 ottobre 1950 su alcuni quotidiani americani, tra cui il Washington Post e il Chicago Tribune. In poco tempo, i piccoli personaggi di provincia divennero i più celebri d’America e poi, del mondo.

Spettacolo: La prima striscia dei peanuts
La prima striscia dei Peanuts, 2 ottobre 1950

Il fumetto ha dato voce – attraverso le vicissitudini di un gruppetto assortito di bambini e un bracchetto sui generis – a insicurezze, illusioni e frustrazioni in cui milioni di adulti si sono immedesimati. Ogni striscia dei Peanuts racchiude una piccola lezione di vita quotidiana, narrata con un tocco delicato di tenerezza e infantilità.

Gli esordi dei Peanuts in Italia arrivano quando la Milano Libri di Giovanni Gandini pubblica alcuni volumi cartonati nel 1963. Le strisce a fumetti sono invece state pubblicate in italiano da Rizzoli e Baldini Castoldi Dalai, alla cui traduzione ha collaborato anche Umberto Eco.

SCHULZ, UN UOMO METODICO

Charles M. Schulz ha disegnato i suoi piccoli personaggi ogni giorno dalle 9 alle 17, dal lunedì al venerdì, per 50 anni. Una dedizione al lavoro vista poche volte nella storia dell’uomo. E ha perfino scelto, in tutti questi anni, di non aver accanto a sé nessun collaboratore.

Ogni singolo tratto, ogni frase, ogni riflessione sono nati dall’amore che quell’uomo, così puntuale e metodico, ha messo nel suo lavoro, scegliendo infine di non lasciare la sua matita in eredità a nessuno.

Ecco perché quando Charles Schulz è scomparso, sono finite insieme a lui le avventure dei Peanuts.

L’ULTIMA STRISCIA

Il 13 febbraio del 2000 squilla il telefono. Risponde Charlie Brown ma, alla cornetta, cercano Snoopy, concentrato sulla sua macchina da scrivere. “Credo che stia scrivendo” risponde infatti Charlie Brown. Accanto, un’unica sola striscia. “Cari Amici, sono stato fortunato a disegnare Charlie Brown e i suoi amici per quasi 50 anni…” (qui il testo completo) e una serie di piccole scenette, le più celebri, dei suoi personaggi. È così che Schulz, morto il 12 febbraio del 2000, saluta per sempre i suoi fan e i suoi piccoli amici.

Spettacolo: La prima striscia dei peanuts
L’ultima striscia dei Peanuts, 13 febbraio 2000

I NUMERI DELLE AVVENTURE DI SNOOPY

Più di 2000 quotidiani, 355 milioni di lettori e 26 le lingue in cui sono stati tradotti i celebri fumetti. Dal 1970 “la coperta di Linus” è ufficialmente citata nel Webster’s Dictionary. A Schulz sono state dedicate numerosissime mostre e retrospettive in tutto il mondo. Insomma, un enorme successo transgenerazionale e globale per questo simpatico gruppetto.

E tutto ciò si spiega e si risolve nella semplicità di questa piccola, grande opera d’arte.

Disarma e rassicura l’atteggiamento solidale che questo gruppetto di bambini saggi e un po’ sprovveduti rivolge verso ogni forma di vita. Il rispetto accoglie calorosamente e in egual modo un fiocco di neve, un insetto, un bambino.

Con pochi tratti, ambientati nei ritagli di sfondo, l’intera storia dei Peanuts si concentra sulla relazione con l’altro, dando spazio alle debolezze e alle insicurezze, come luoghi di cui ridere teneramente.

Spettacolo: La prima striscia dei peanuts
Lucy e Snoopy

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Susanna Ferrari
Articoli dell'Autore / Susanna Ferrari

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>