,

I GIORNI DEL WALK-IN STUDIO A MILANO

I GIORNI DEL WALK-IN STUDIO A MILANO

Quattro giorni di walk-in nei luoghi in cui l’arte viene pensata e creata

Dal 4 al 8 giugno 2019, a Milano, l’associazione Studi e Spazi festival presenta la prima edizione di Walk-In Studio; manifestazione che chiama gli artisti attivi nella città di Milano ad aprire i loro studi per organizzare mostre ed event iche coinvolgano altri autori, creando un grande circuito di scambio e di stimoli comuni e condivisi. 

Nel suo insieme il Festival si propone come una mappatura diffusa dei luoghi e dei protagonisti della scena artistica contemporanea milanese. Come? Con ben 47 progetti che coinvolgono 250 artisti in studi aperti e spazi ospiti.

Le proposte che animeranno questa prima edizione di Walk-In Studio sono tutte intergenerazionali e incrociano temi caldi e molto frequentati dagli artisti. Ad esempio, il rapporto uomo-natura; il femminismo, la rilettura della storia, la relazione con il territorio; il dialogo tra forme d’arte e pensiero diversi.

L’associazione Studi e Spazi festival è nata nel gennaio 2019 per iniziativa di un gruppo di artisti e curatori che si sono impegnati, dopo la pausa dello scorso anno, a restituire Studi Festival alla città di Milano grazie a Walk-In Studio.

Walk-In Studio a Milano sarà aperto al pubblico progressivamente e gratuitamente nell’arco di cinque giorni, dal 4 al 8 giugno 2019. Per questi giorni è stato stabilito e diffuso un ampio programma.

Gli opening di Walk-In Studio, infatti, si svolgeranno a partire dalle ore 18 nel corso di ognuno dei cinque giorni del festival e il numero degli eventi sarà bilanciato in modo che questi siano il più accessibili possibile. Sia come quantità che come distanze tra diverse location.

Nel corso dei cinque giorni di Walk-In Studio saranno organizzate anche visite guidate su prenotazione; condotte da curatori che metteranno a disposizione del pubblico la propria competenza e capacità sia critica che divulgativa.

Inoltre, Walk-In Studio metterà in campo anche il talento dei giovani fotografiche stanno studiando all‘Accademia di Belle Arti di Brera, il cui occhio restituirà immagini da tutte le mostre e gli eventi, giorno per giorno sul sito web dedicato alla manifestazione. Al contempo un team di giovani curatori, studenti dell’Accademia di Brera e della Naba, offrirà al pubblico una lettura delle proposte degli artisti, mettendosi in gioco in varie fasi di questa importante esperienza formativa.

LEGGI ANCHE

POESIA DELL’ASSENZA: LA MOSTRA DI PARMIGGIANI

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Arianna Giampietro
Articoli dell'Autore / Arianna Giampietro

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>