, , ,

GIO PONTI. PROROGATA FINO A MAGGIO LA MOSTRA A PARIGI

GIO PONTI. PROROGATA FINO A MAGGIO LA MOSTRA A PARIGI

Tutto Ponti. Gio Ponti Archi-Designer. Questo il titolo della mostra-omaggio, in programma al Musée des Arts Décoratifs di Rue de Rivoli di Parigi, dedicata al grande maestro milanese del design e dell’architettura, certamente tra i più importanti del XX secolo

È stata prorogata fino al 5 maggio la mostra-tributo al MAD di Parigi. Un grande successo per questa “esperienza” attraverso la vita artistica del genio poliedrico di Gio Ponti che racconta sei decenni di produzione del grande artista milanese (1891-1979).

Tutto Ponti. Gio Ponti Archi-Designer.

L’esposizione

L’esposizione al MAD – sotto la direzione di Olivier Gabet e a cura di Salvatore Licitra, Dominique Forest e Sophie Bouilhet-Dumas, con la co-curatela di Chiara Spangaro – è stata allestita dall’agenzia Wilmotte & Associés in collaborazione con il graphic designer Italo Lupi.

La composizione della selezione delle opere per la mostra è stata un lavoro molto complesso, durato due anni. Si è trattato di dare una idea complessiva di un lavoro molto ampio in diverse direzioni. Dall’architettura all’arte e al design, senza dimenticare il lavoro di Ponti nell’editoria con le riviste Domus, Bellezza e Stile. E i suoi testi come – il più importante – “Amate l’architettura”.

Tutto Ponti. Gio Ponti Archi-Designer.

Molteni&C

A dare il suo contributo alla mostra è Molteni&C, che al Musée des Arts Décoratifs ha prestato alcuni arredi originali .Oggi parte della collezione del Molteni Museum. Dal 2010, infatti, l’azienda brianzola riedita i pezzi firmati da Gio Ponti realizzati nel corso di oltre 50 anni.

Cosa attende il visitatore?

Mille mq di spazio espositivo, 500 pezzi scelti (dalla scala dell’architettura a quella dell’oggetto industriale), sei decenni di lavoro dagli anni Venti agli anni Settanta. E ancora migliaia di idee tra architettura e design, e milioni di intuizioni rimaste sulle carta. A proposito lo sapevate che (prima di Renzo Piano e Richard Rogers) Gio Ponti aveva proposto un progetto per il Centre Pompidou?

Attraverso le  oltre 500 opere, la mostra regala allo spettatore un viaggio nel mondo di Ponti, passando dalla ceramica all’architettura (dalle creazioni per Richard Ginori al Pirellone), dal design industriale ai mobili (tra cui alcune collaborazioni come quelle con Fornasetti, Venini, Fontana Arte e Cassina), dai vetri passando per lo storyboard dell’Enrico VIII di Pirandello. In esposizione anche le copertine della rivista Domus, di cui Ponti è stato direttore, e le letteredisegnate con cui era solito comunicare. Si possono anche attraversare alcuni living realizzati dal maestro. Come l’Hotel Parco Principi a Sorrento, Villa Planchart a Caracas, la casa in Via Dezza a Milano.

Tutto Ponti. Gio Ponti Archi-Designer.

Informazioni

Tutto Ponti. Gio Ponti Archi-Designer
Musée des Arts Decoratifs di Parigi – 107, rue de Rivoli Fino al 5 maggio.

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Bruna Meloni
Articoli dell'Autore / Bruna Meloni