, ,

A MILANO TORNA LA MOSTRA DI FOTO MAGNUM’S FIRST

A MILANO TORNA LA MOSTRA DI FOTO MAGNUM’S FIRST

Riallestita a Milano la prima mostra Magnum al Museo Diocesano. Le foto rimaste chiuse nelle casse per oltre 50 anni

La mostra Magnum’s first sta per calcare la scena milanese con la stessa classe e importanza storica del passato.

La prima mostra Magnum segnò un’importante tappa per fotogiornalismo e storia contemporanea. Dall’8 maggio sarà possibile rivivere l’allestimento che negli anni Cinquanta girò l’Austria, nello stesso identico percorso dell’epoca.

Al Museo Diocesano di Milano l’occasione imperdibile. Circa 80 fotografie rimaste chiuse in una cassa fino al 2006 saranno di nuovo esposte al grande pubblico.

Sulle foto è stata eseguita una delicata opera di restauro, ma verranno montate sui pannelli di legno della mostra originale. Non solo, le foto sono corredate dalle parole dei propri fotografi. Ricordi, aneddoti storici, dettagli e ombre di un’epoca.

Il mio primo contatto con la vecchia mostra somigliava più alla scoperta di una mummia che a quella di un tesoro.

Le foto erano in pessime condizioni, coperte di polvere, muffe e odore di stantio. Ma erano la prova che sin dall’inizio, Magnum era diversa dalle altre agenzie fotografiche. Dagli esordi, con il programma di mostre ed eventi, la Magnum difendeva il valore della foto come documento.

La curatrice della mostra, Andrea Holzherr

Le foto del riallestimento della mostra Magnum

Non una qualsiasi mostra fotografica, quindi, ma una mostra-documentario.

Le foto, rimaste chiuse in una cantina per motivi ignoti dal 1956, sono oggi riproposte nella loro versione migliorata.

All’interno della mostra Magnum’s first ci sono gli scatti di Cartier-Bresson sugli ultimi giorni e il funerale di Gandhi, i viaggi di Werner Bischop dal Perù al Giappone, le feste basche di Capa, che segnano il ritorno alla normalità dopo la barbarie della Guerra Civile Spagnola, ma anche il volto mutevole di Vienna durante l’occupazione nazista immortalato da Erich Lessing. E poi la Dalmazia di Tito secondo Marc Riboud, le foto dal set del kolossal hollywoodiano La regina delle Piramidi nelle cave di Assuan, l’Ungheria raccontata ai lettori del New York Times Magazine da Jean Marquis e la Londra di Inge Morath, unica donna del gruppo, che firma un iconico ritratto di Lady Nash. 

LEGGI ANCHE

L’ARTE DELLA MATERIA DI BURRI IN MOSTRA A VENEZIA

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Alessandro Dalai
Articoli dell'Autore / Alessandro Dalai

Rispondi

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>