Mame arte BRERA: COMPLETATO IL RESTYLING DELLA PINACOTECA brera1
Arte,  Mostra

BRERA: COMPLETATO IL RESTYLING DELLA PINACOTECA

Ecco la nuova Pinacoteca di Brera, “un luogo vivo” dopo  la fine della ristrutturazione delle nuove sale, la 37 e la 38, dedicate all’arte dell’Ottocento e l’apertura di un caffé sobrio ed elegante . Ancora ritardi, invece,  per Palazzo Citterio.

Brera, si sa, possiede una delle migliori e più ricche collezioni d’arte d’Italia;  fra le numerose opere vi sono i capolavori di artisti del calibro di Raffaello ,  Caravaggio, Tintoretto, Mantegna.

Ma forse non tutti sanno che, a differenza delle altre grandi pinacoteche italiane, come gli Uffizi di Firenze ,  la Pinacoteca  di Brera non nasce dal collezionismo aristocratico ma è la raccolta di opere che servivano per gli studi  degli allievi dell’Accademia di Belle Arti.
Nei primi anni dell’Ottocento, per volontà di Napoleone, questo luogo riservato allo studio fu trasformato in un museo con i capolavori provenienti dalle chiese e dai palazzi della Lombardia oppure acquistati per dare prestigio alla collezione.

Mame arte BRERA: COMPLETATO IL RESTYLING DELLA PINACOTECA brera2
Il nuovo volto di una sala di Brera

La Grande Brera

Alla presenza del Ministro Alberto Bonisoli e del Sindaco  di Milano Giuseppe Sala, il Sovrintendente James Bradburne ha fatto il punto sui tre anni del suo mandato giunto a scadenza.

Ha raccontato il grande lavoro svolto per far si che “i milanesi tornassero ad innamorarsi della Pinacoteca e dei suoi capolavori”. Il piano, presentato da Bradburne al momento del suo insediamento era molto ambizioso: “riportare Brera nel cuore di Milano e il visitatore al centro di Brera”.

Possiamo dire “missione compiuta”con tutte le 38 sale completamente ristrutturate, le didascalie delle opere chiare ed esplicative totalmente nuove.

Inoltre, il cortile napoleonico diventato spazio pubblico aperto a tutti e ancora  una politica di prezzi che favorisce le visite frequenti al museo e, da ieri,  un accogliente caffé.

Altra innovazione di Bradburne  e stata quella dei dialoghi giunti oggi al settimo appuntamento.

Si tratta di dialoghi  inediti fra i capolavori della storia dell’arte, che mettono a confronto opere della Pinacoteca di Brera con altri quadri ospiti.

Unico grande rammarico del Sovrintendente: il mancato trasloco a palazzo Citterio.

Mame-arte-BRERA-COMPLETATO-IL-RESTYLING-DELLA-PINACOTECA-bar
Il bar della Pinacoteca

Il caffe Fernanda

Il caffé, intitolato a Fernanda Wittgens, la grande Sovrintendente che salvò Brera dalle razzie dell’ultima guerra, è aperto nella sala dove prima c’erano l’ingresso ed il book-shop.

Un ambiente dall’eleganza sobria, un pò d’antan, arredato con opere d’arte le cui didascalie sono riportate nel menù.

Ẻ illuminato da grandi finestre e specchi collocati dietro il bancone che amplificano gli spazi.

Il menù include piatti scelti per il legame con la collezione  e la materie prime utilizzate sono coltivate appositamente  in un orto situato nel parco Sud.

https://www.mam-e.it/wp-content/uploads/2018/10/Mame-arte-BRERA-COMPLETATO-IL-RESTYLING-DELLA-PINACOTECA-dialogo.jpg
Il dialogo Ingres-Hayez

Il settimo dialogo: Ingres-Hayez

Questo settimo dialogo ” sguardi diversi sulle donne di metà Ottocento”,  vede protagonisti

Il ritratto di madame Gonse di Jean-Auguste-Dominique Ingres, dal Musèe Ingres di Montauban e

Il ritratto di Teresa Manzoni Stampa Borri  di Francesco Hayez conservato nella Pinacoteca di Brera.

Oltre al capolavoro di Ingres, partecipano  altri due ospiti:

Il busto in gesso di Lorenzo Bartolini Ritratto di AnnaMaria Virgina Buoni Bartolini  e

il Ritratto di Selene Taccioli Ruga di Hayez. Entrambi provenienti da collezioni private.

Assistono al dialogo altri dipinti di rilevo, tutti appartenenti a Brera:

l’Odalisca e la Malinconia di Hayez e La derelitta e

il Ritratto di Giuditta Pasta  di Giuseppe Molteni.

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!