MAM-e

Web Magazine di moda, arte, spettacolo e lifestyle


,

ALLA TRIENNALE DI MILANO LA STORIA DELL’HOTEL PARCO DI GIO PONTI

ALLA TRIENNALE DI MILANO LA STORIA DELL’HOTEL PARCO DI GIO PONTI

Le infinite possibilità dell’edificio di Gio Ponti che ha fatto la storia dell’architettura italiana

Il progetto di Gio Ponti per l’Hotel Parco dei Principi di Sorrento fa parte della storia dell’architettura italiana. Coinvolge tutto l’edificio e, in particolare, in collaborazione con la Ceramica D’Agostino, declina tutte le cento camere, così come la hall, la reception, il bar, il ristorante, con diversi decori bianchi e blu in ceramica.

Il tutto realizzato attraverso una serie di combinazioni matematiche e geometriche che portano a una serie completa di 27 disegni, riprodotti a mano, allora come ora, su maioliche 20×20 cm.

La mostra presenta, da un lato, i disegni originali di Gio Ponti, con tutti gli appunti di lavorazione, le fotografie del laboratorio dell’azienda dove l’architetto ha lavorato a fianco degli artigiani e operai, insieme alle ceramiche originali dell’epoca.

Dall’altro lato, dopo circa 60 anni, si potrà vedere, per la prima volta, la riproduzione fedele delle 27 maioliche, insieme agli inediti 5 decori, non utilizzati per il Parco dei Principi, realizzati dai maestri decoratori della Ceramica Francesco De Maio, che ha rilevato, nel 1990, la ex Ceramica D’Agostino, oggi Antiche Fornaci D’Agostino.

Come scrive Ponti, a proposito del progetto di Sorrento: «date a uno un quadrato di venti per venti e, benché nei secoli tutti si siano sbizzarriti con infiniti disegni, c’è sempre posto per un disegno nuovo, per un vostro disegno, non ci sarà mai l’ultimo disegno».

È qui che sta la modernità di Ponti. Infinite possibilità di combinazioni progettuali, a un patto, però, che tutto sia eseguito seguendo le regole del “fatto a mano”, perché solo così il disegno come il colore si rigenerano senza esaurirsi mai.

Gio Ponti: L’Infinito Blu non solo è una mostra che ricostruisce una condizione privilegiata, ma dimostra che è sempre possibile rimettere in gioco un concetto, una filosofia progettuale, a patto che le regole siamo sempre le stesse – «nulla che non sia prima nelle mani» – e le mani sono l’espressione più diretta del pensiero.

La mostra è accompagnata da un catalogo, che ospita una serie di interventi di Aldo Colonetti, Gianni De Maio, Patrizia Famiglietti, Salvatore Licitra, Lisa Licitra Ponti, Fulvio Irace, Fabrizio Mautone e, in particolare un dialogo con Gillo Dorfles, amico di Gio Ponti, con cui ha avuto un lungo sodalizio, soprattutto durante la direzione di Domus.

Per info su biglietteria, orari e altre informazioni utili clicca qui.

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Valerio Passera
Articoli dell'Autore / Valerio Passera