A BREVE LA RIAPERTURA DELLA TATE MODERN CON LA GRANDE MOSTRA DI ANDY WARHOL

A BREVE LA RIAPERTURA DELLA TATE MODERN CON LA GRANDE MOSTRA DI ANDY WARHOL

Non avete avuto la possibilità di vedere la meravigliosa mostra di Andy Warhol alla Tate Modern di Londra prima che l’epidemia di coronavirus bloccasse tutto? Non abbiate paura; è annunciata a breve la riapertura della più visitata Galleria d’arte moderna al mondo.

Ladies and Gentlemen (Helen:Harry Morales) 1975, Italian private collection, © 2020 The A. W. Foundation for the Visual Arts, Inc. : Licensed by DACS, London
Ladies and Gentlemen (Helen:Harry Morales) 1975, Italian private collection, © 2020 The A. W. Foundation for the Visual Arts, Inc. : Licensed by DACS, London

 

I CURATORI

“Curare una mostra di Andy Warhol al giorno d’oggi significa confrontarsi con un mondo in cui ognuno ha una proiezione mentale dell’artista e della sua produzione”, affermano i curatori Gregor Muir e Fiontán Moran. “Tutti possiedono Warhol. È uno di quegli artisti rari che trascendono il mondo dell’arte, essendo diventato ampiamente noto come uno degli artisti più famosi d’America, se non uno degli americani più famosi d’America. Nel tempo, Warhol è diventato – ed è tuttora – un grande brand. Esattamente come  voleva.”

 

Self Portrait 1986, Tate, © 2020 The A.W. Foundation for the Visual Arts, Inc. _ Licensed by DACS, London
Self Portrait 1986, Tate, © 2020 The A.W. Foundation for the Visual Arts, Inc. _ Licensed by DACS, London
 

ANDY WARHOL

Warhol (1928-1987) è diventato uno degli artisti più riconoscibili della fine del ventesimo secolo, eppure la sua vita e il suo lavoro continuano ad affascinare e ad essere interpretati sempre in modo nuovo. Uomo timido, omosessuale appartenente a una famiglia religiosa, migrante, a basso reddito, Warhol ha forgiato un suo percorso definito che lo ha fatto diventare l’epitomo del movimento della Pop Art.

 

Debbie Harry 1980, Private Collection of Phyllis and Jerome Lyle Rappaport 1961, © 2020 The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts, Inc. : Licensed by DACS, London
Debbie Harry 1980, Private Collection of Phyllis and Jerome Lyle Rappaport 1961, © 2020 The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts, Inc. : Licensed by DACS, London

 

IL NUOVO PUNTO DI VISTA

L’intento dei curatori è stato quello di tralasciare alcuni dei miti sul lavoro di Warhol.“Quando si parla lui, la maggior parte delle persone  pensa solo alla pop art e alle immagini di lattine di zuppa e bottiglie di Coca-Cola, di Marilyn e di Jackie.”. Warhol ha sempre protetto la sua vera identità dietro l’hype e l’eccentricità: Muir e Moran hanno colto l’opportunità  della mostra alla Tate per  esaminare la “persona Warhol” al di sotto di questo aspetto esteriore. “Volevamo guardare Warhol per quello che era, tenendo conto del viaggio della sua famiglia in America dall’est Europa. Ma anche della sua strana identità e del modo in cui il suo lavoro è stato alla fine segnato dalla morte e dalla religione”. Hanno infatti affermato i curatori.“Con questo in mente, abbiamo voluto guardare  Warhol sotto un’altra luce.”

 

Ladies and Gentlemen (Wilhelmina Ross) 1975,, Italian private collection, © 2020 The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts, Inc. _ Licensed by DACS, London
Ladies and Gentlemen (Wilhelmina Ross) 1975,, Italian private collection, © 2020 The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts, Inc. _ Licensed by DACS, London

 

ANDY WARHOL ALLA TATE MODERN

Con oltre 100 opere, che coprono tutta la sua straordinaria carriera, la mostra fa luce su come le esperienze di Warhol abbiano modellato la sua visione unica della cultura del ventesimo secolo, posizionandolo nel mutevole panorama creativo e politico in cui ha operato.
Riconosciuto per le raffigurazioni iconiche delle bottiglie di Coca-Cola e Marilyn Monroe, specchio della cultura americana, questa mostra enfatizza anche i temi ricorrenti del desiderio, identità e le convinzioni che emergono dalla sua biografia. Mostra anche come questo artista innovativo abbia reinventato il modo in cui l’arte dovrebbe essere in un’epoca di immensi cambiamenti sociali, politici e tecnologici.

Anche la sessualità di Warhol è un tema importante trattato nella mostra. A partire da una selezione dei suoi suggestivi disegni di ritratti e nudi maschili degli Anni 50. Queste opere sono abbinate intimamente con il film Sleep 1963, che documenta il poeta John Giorno, amante di Warhol, ed evidenzia il rapporto collaborativo con cui Warhol ha lavorato con figure esterne al mondo dell’arte, per creare una più ampia comprensione di ciò che l’arte potrebbe essere.

I visitatori potranno anche sperimentare l’installazione “galleggiante” Silver Clouds del 1966, pensata inizialmente da Warhol per segnare il suo “ritiro” dalla pittura a favore del cinema.

 

L’OPINIONE DI MAM-E

Una mostra da non perdere!

 

Leggi anche POP ART: LICHTENSTEIN, WARHOL E GLI ALTRI GRANDI MAESTRI  e consulta la voce Andy Warhol nel Dizionario dell’Arte.

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Bruna Meloni
Meet the author / Bruna Meloni

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>