mostre milano settembre
Arte,  Mostra

5 mostre a Milano da non perdere a settembre

Milano sembra tornata quella di sempre grazie alle sue nuove mostre. Ecco una selezione di appuntamenti per settembre.

Milano è tornata in pieno fermento e dopo la Design Week, arriva infatti l’Art Week dal 13 al 19 settembre, con protagonista miart, la fiera di arte moderna e contemporanea, oltre a varie inaugurazioni. Tra i numerosi appuntamenti artistici a cui partecipare, abbiamo selezionato per voi 5 mostre a Milano da non perdere a settembre!

Le 5 mostre a Milano da non perdere a settembre

Irving Penn – Cardi Gallery

Fiori e mozziconi di sigaretta, celebrità e membri di popolazioni tribali, moda e guerra: soggetti diversissimi ma allo stesso modo interessanti. La loro semplicità  donava loro fascino agli occhi di uno dei più importanti fotografi americani, Irving Penn. Penn, infatti, era capace di immortalarli con uno stile unico in scatti caratterizzati da estrema eleganza e semplicità formale.

Pur non occupandosi di mostre fotografiche, di solito, Cardi Gallery ha deciso di fare un’eccezione per Irving Penn, ripercorrendo i momenti salienti della sua carriera artistica. Oltre agli iconici scatti di moda, in mostra sono presenti still life, foto di gruppo di comunità hippie e tribali, ma anche opere dedicate all’Italia. Penn conobbe infatti il nostro Pese durante la Seconda Guerra Mondiale, quando si trovava a Napoli a guidare ambulanze. La storia e cultura italiane lo conquistarono e a provarlo sono i bellissimi ritratti in bianco e nero scattati a poeti, artisti, scrittori e musicisti del Bel Paese.

In arrivo alla Cardi Gallery gli scatti eleganti di Irving Penn

Cardi Galley, Corso di Porta Nuova, 38.

In calendario fino al 22 dicembre 2021.

Aperto tutti i giorni (lun-ven 10-18.30; sab 11-18).

Ingresso: libero.

Uncensored, Gian Polo Barbieri – Fondazione Gian Paolo Barbieri

Gian Paolo Barbieri trovò la propria strada grazie al più elegante creatore di sete, e il corpo nudo dell’uomo come sintesi estrema dell’erotismo. Divenne fotografo grazie ad un prezioso consiglio di Gustav Zumsteg, creatore di tessuti per Cristobal Balenciaga, Hubert de Givenchy e Yves Saint Laurent. Riapre le porte della propria Fondazione in occasione di Milano Fashion Week. 

Uncensored è il titolo della mostra alla Fondazione Gian Paolo Barbieri, realizzata in collaborazione con CZ Fotografia e visitabile dal 22 al 25 settembre, su appuntamento, che ripercorre la ricerca dell’autore sul corpo maschile. Uncensored scruta ciò che per Barbieri è stata una costante ricerca: l’Uomo. Il maschio di Barbieri è senza censura: levigato come marmo ed evocativo  con le vene in rilievo come una mappa del desiderio. Sa trasmettere il piacere, descrivendolo in tutte le sue espressioni. I corpi crescono naturali, immediati, reali attraverso la purezza e la semplicità espressiva. Nelle sue immagini coesistono l’approccio preistorico al corpo umano, l’intenzione estetica della bellezza classica e il ritrovamento rinascimentale della libertà.

 

mostre milano settembre
Una delle immagine di Uncensored, alla Fondazione Gian Paolo Barbieri

Fondazione Gian Paolo Barbieri, Via Lattanzio 11 – Milano.

 22 – 25 settembre 2021

Dalle ore 10.00 alle ore 16.00

Ingresso: libero su appuntamento

 

Sociocromie – Museo della Scienza

Dalla zona rossa al black friday, dalle brigate rosse alla maglia rosa, il colore evoca concetti universalmente riconosciuti. Questo è il soggetto della mostra Sociocromie, aperta dall’8 settembre al 14 novembre al Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano. Curata da Giulio Ceppi, architetto, designer e fondatore di Total Tool, l’esposizione è dedicata al valore storico e sociale del colore. La mostra evidenzia momenti di valore storico e sociale, legati alla politica, agli eventi sportivi, alle innovazioni tecniche, che ricorrono al colore quale espressione connotante. Da ciò deriva la denominazione Sociocromie – neologismo ideato da Ceppi – che si riferisce a un fatto sociale noto ed espresso attraverso l’uso di diverse tonalità con una natura metaforica o a volte metonimica. Dall’oro nero ai colletti bianchi, sono 25 i “cromonimi” esposti in mostra, ovvero eventi della vita quotidiana espressi con una tinta che permette di rappresentare la realtà in modo figurato.

mostre milano set

Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano, Via San Vittore 21, 20123 Milano

8 settembre – 14 novembre

martedì – venerdì: 10.00 – 18.00; sabato e festivi: 10.00 – 19.00.

Ingresso: La mostra è inclusa nel biglietto di ingresso al Museo.

 

Leiko Ikemura, Prima del tuono, dopo il buio – BUILDING

Prima del tuono, dopo il buio è la prima personale in Italia dell’artista giapponese naturalizzata svizzera Leiko Ikemuraa cura di Frank Boehm. La mostra offre un’ampia panoramica sulla ricerca artistica di Ikemura, riunendo una selezione di 50 opere realizzate dagli anni ’80 ad oggi. Il progetto espositivo, che si sviluppa su quattro piani, presenta alcune significative produzioni storiche accanto a lavori più recenti. Tra questi, una scultura in vetro, realizzata grazie alla collaborazione con alcune delle più importanti maestranze di Venezia.

L’opera di Leiko Ikemura si caratterizza per un linguaggio visivo complesso e altamente espressivo. Nei suoi lavori  l’artista si concentra sulla figura umana e sulla sua posizione all’interno del cosmo. Le figure femminili, tipiche della sua produzione, sono per lo più mostrate libere da qualsiasi ambiente spaziale, contestualizzate all’interno di paesaggi eterei, più emotivi che fisici. Queste figurazioni sono le protagoniste di una pittura senza tempo, espressione di una personale rappresentazione della condizione esistenziale contemporanea. Osservarle è un’esperienza intima, che trasmette un crescente desiderio inappagato di completezza.

Leiko Ikemura

 

BUILDING, via Monte di Pietà 23, 20121 Milano

4 settembre al 23 dicembre 2021

martedì – sabato, dalle 10.00 alle 19.00

Andy Warhol, Instant – Galleria Tommaso Calabro

La Galleria d’Arte Tommaso Calabro è lieta di presentare Instant Warhol, una mostra dedicata a una selezione di fotografie e Polaroid che Andy Warhol realizzò durante gli ultimi vent’anni della sua vita.

La mostra raccoglie una selezione di Polaroid e stampe alla gelatina d’argento in cui compaiono amici della cerchia di Warhol, star del cinema, celebrità e membri del jet set internazionale, inclusi Gianni Agnelli, Bianca Jagger, Grace Jones, Alexander Iolas, Basquiat, Valentino e Diane von Furstenberg. Si aggiungono autoritratti dello stesso Warhol, truccato da drag queen o con indosso la sua leggendaria parrucca bionda, e fotografie di oggetti e frammenti di vita cittadina.

Per Warhol le fotografie erano opere d’arte, mezzi di sperimentazione e di documentazione biografica, mentre la fotocamera era il suo personale dispositivo di registrazione del mondo esterno. La varietà dei soggetti, che Warhol oggettizzava, rendeva glamour ed eroicizzava rivela la sua fascinazione per la fama e l’identità di genere. L’indagine continua sui concetti di originalità e paternità dell’opera d’arte. Questa mostra vuole sottolineare il ruolo cruciale che la fotografia ebbe nel lavoro e nella vita dell’artista per la definizione di un’estetica distintamente Pop.

Polaroid Andy Warhol Milano

Galleria d’Arte Tommaso Calabro, Piazza San Sepolcro 2 – 20123 Milano

7 settembre 2021 – 23 ottobre 2021

Martedì- sabato / ore 11:00 – 19:00

Leggi anche

 

 

 

 

Vuoi ricevere Mam-e direttamente nella tua casella di posta? Iscriviti alla Newsletter, ti manderemo due mail al mese con il meglio del nostro Magazine e riceverai subito un regalo!

CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *