FERRARA: IL SALONE INTERNAZIONALE DEL RESTAURO, DEI MUSEI E DELLE IMPRESE CULTURALI

FERRARA: IL SALONE INTERNAZIONALE DEL RESTAURO, DEI MUSEI E DELLE IMPRESE CULTURALI

DAL 21 AL 23 MARZO 2018 A FERRARA TORNA IL SALONE INTERNAZIONALE DEL RESTAURO, DEI MUSEI E DELLE IMPRESE CULTURALI

Quest’anno Ferrara inaugura la sua XXV edizione del Salone Internazionale del Restauro, dei Musei e delle Imprese Culturali. Evento patrocinato dal MiBACT – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Queste saranno intense giornate con un programma denso di esposizioni, convegni, eventi e mostre con l’obiettivo di promuovere la cultura.

Quest’anno Ferrara ha ricevuto dall’ISF Cert – Istituto di certificazione di dati Statistici Fieristici, la certificazione a conferma del ruolo del Salone nel mondo.

Tutto il lavoro inizia col pensare al nostro Paese, principalmente al patrimonio storico, artistico e ambientale, risorse uniche che devono essere valorizzate.

A fare la differenza, l’unione di saperi e la partecipazione di importanti aziende ed istituzioni, per comprendere le tematiche più urgenti. Poi grazie alle tecnologie e alle innovazioni l’intento è quello di informare ed intervenire sul restauro e la riqualificazione.

Non è solo una vetrina, saranno presenti i 30 più importanti musei italiani, gli Istituti dotati di autonomia speciale e i Poli Museali regionali. In più troveranno spazio aziende in dialogo diretto con le realtà museali pubbliche e private, provenienti da settori quali illuminotecnica, climatologia, trasporto di opere d’arte. Ma anche software e altre tecnologie, accoglienza, guardiania, ristorazione, bookshop e merchandising, che si affiancheranno agli espositori.

La partecipazione, nuova o già consolidata di FedercultureASTER – Rete Alta Tecnologia dell’Emilia Romagna, e DIAPReM – Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Ferrara. Permetterà relazioni e lo sviluppo di laboratori, di supporto industriale, di dialogo tra addetti ai lavori, aziende e pubblico.

Programma

Questa edizione oltre alle nuove proposte e alle nuove partecipazioni, includerà la nascita di nuovi spazi come quello dell’automobile d’epoca. Con il valore aggiunto di avere presenti i più importanti musei e restauratori di fama internazionale.

Maggiore rilevanza avrà la presenza dell’Associazione Siti UNESCO che porterà un fondamentale contributo attraverso i propri siti di importanza mondiale.

Vi saranno una serie di seminari, progetti e convegni dalle tecnologie all’edilizia, con una attenzione maggiore al valore storico, artistico e architettonico.

Un esempio di discussione e riqualificazione urbana è dato dal sito vicino la tomba di Dante Alighieri a Ravenna, il cui progetto esecutivo è ad opera del Prof. Giampiero Cuppini. Tale progetto prevede o meglio prevederà l’inserimento del dato verde affinché l’area sia più fruibile dai visitatori.

Interessanti sono i corsi che si terranno in questa occasione, corsi di formazione professionale al termine del quale verranno rilasciati crediti qualificanti. A poterne usufruire Architetti, Geometri, Ingegneri e tutti coloro che operano nel campo della conservazione e valorizzazione dei beni culturali e ambientali.

Premi e mostra

Non possiamo inoltre dimenticare che l’evento propone collaborazioni e la partecipazione diretta di istituti museali internazionali come il Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo. In più ci saranno Premi come il PREMIO DOMUS RESTAURO E CONSERVAZIONE – Premio Internazionale di Restauro Architettonico. Nato nel 2010 grazie a Fassa s.r.l., al Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Ferrara e dal Salone per valorizzare i progetti, anche internazionali.

Si aggiunge la mostra dell’architetto del Rinascimento estense, Biagio Rossetti. Le cui opere hanno avuto un rilievo tale da portare al riconoscimento di Ferrara come Città del Rinascimento Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

Durante il Salone si avrà anche la possibilità di ammirare Palazzo Gulinelli, la data prevista della visita è stata pensata per il 22 marzo. L’importanza di questo luogo è scandita anche dal recente restauro dopo il sisma del 2012.

Non mancherà proprio nulla a questo Salone, perché la voglia di mettersi in gioco e valorizzare quanto di più bello possiede l’Italia è una missione di tutti e per tutti.

Ferrara Fiere: come arrivare

 

 

Alessandra Mazziotta
Meet the author / Alessandra Mazziotta

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>