,

YOUTH: UN TUFFO INTENSO NELL’ORBITA SORRENTINO

YOUTH: UN TUFFO INTENSO NELL’ORBITA SORRENTINO

Questa sera alle 21,15, su Canale 5, l’ultimo film di Sorrentino: ‘Youth’. Un film sulla quiete, che segue la tempesta de ‘La Grande Bellezza’

YOUTH DI PAOLO SORRENTINO. Un ex direttore d’orchestra in pensione (Michael Caine) condivide la villeggiatura e le proprie inquietudini con un amico, regista cinematografico (Harvey Keitel). Il contesto è una località termale di lusso nel bel mezzo della Svizzera. L’arrivo della figlia lo calerà in nuove cupezze e riflessioni sulla maturità e sul senso dell’arte.

“Morte a Davos”. Così poteva chiamarsi il film di Sorrentino, che segue la sbornia di attenzioni e premi de ‘La Grande Bellezza’. Un titolo motivato dal tema centrale (l’esteta alla ricerca della giovinezza, intesa più come risultato artistico che come età anagrafica) e dalla scelta della località (la stessa in cui Mann decise di ambientare il sanatorio de ‘La Montagna Incantata’).

Sorrentino gigioneggia, in quello che è il suo film più filosofico, sfiorando il kitsch in almeno tre scene, come quella della sinfonia ‘mimata’ dal compositore in mezzo alle vacche. ‘Youth’ è un film sulla rarefazione, sulla levigatezza, sulla padronanza di sé intorno al caos del mondo. Un mondo – o meglio – una mondanità qui l0ntanissima, esiliata e mai portata in scena, differentemente dal film premio Oscar.

Fred Ballinger è turbato dalle visite della figlia, così come Mick è visitato dall’allieva Brenda (Jane Fonda). Ma i due sono maestri che non hanno ormai più molto da dire, se non fredde ed ironiche. sentenze. ‘Youth’ è un esercizio di stile, che parla, paradossalmente, di futuro. Mick e Fred non sono ossessionati dal passato, ma dall’idea di trasferirlo in avanti, di conservarlo perché possa durare fino a che non emerga nelle loro menti siamesi una domanda terribile e lontana da ogni levità: quella sulla morte.

Boris Stoinich
Meet the author / Boris Stoinich

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>