,

GAME OF THRONES: LE FRASI MEMORABILI DELLA SERIE

GAME OF THRONES: LE FRASI MEMORABILI DELLA SERIE

Mancano due giorni all’esordio della settima stagione di ‘Game of Thrones‘. Azione, sesso, morte, fantasia e cupidigia: le frasi epiche e indimenticabili della serie HBO

Siamo ormai in pieno ‘mood’ Game of Thrones. Si stanno infatti succedendo senza soluzione di continuità news, scatti in anteprima, gossip e previsioni sull’attesissima settima stagione della serie. La penultima, a quanto pare, prima della resa dei conti finale dell’ottava, ad ora in fase di realizzazione.

“Il bambino deve crescere. L’inverno sta arrivando”
Winter is coming‘. La frase centrale dell’intera serie tv. Sorta di motto che identifica la famiglia Stark. E, in poche parole, racconta l’ambientazione e sigilla le storie che si avvicenderanno.

Le cose che faccio per amore”
Prima stagione, primo episodio. La sinistra frase pronunciata da Jamie Lannister quando butta giù dalla torre un erede degli Stark. Che aveva avuto l’ardire di interrompere un momento intimo e incestuoso della coppia di fratelli.

“I nani sono bastardi agli occhi dei loro padri”
Nessun padre accetterà mai di avere un figlio nano. Tyrion constata, nella totale rassegnazione, la sua condizione di figlio reietto.

Al gioco del trono si vince o si muore”
Altra frase cruciale e premonitrice della serie. Una minaccia che si rivelerà assai concreta, quella di Cersei a Ned Stark…

“Mai dimenticare chi sei, perché di certo il mondo non lo dimenticherà. Trasforma chi sei nella tua forza, così non potrà mai essere la tua debolezza. Fanne un’armatura, e non potrà mai essere usata contro di te”
Tyrion incoraggia un suo simile – il reietto Jon Snow. Un saggio avvertimento, che mette in mostra l’incredibile acutezza psicologica di quest’importante centrale della serie.

cinema: game of thrones le frasi memorabili della serie jon snow
Jon Snow

“Verrà il giorno in cui sarai convinta di essere al sicuro, di essere felice, ma di colpo la tua gioia si trasformerà in cenere. E allora saprai che il debito sarà stato pagato”
Ancora Tyrion, ancora una frase da scolpire nella memoria. Capace, in questo caso, di dimostrarsi duro e spietato come la sorella.

“Strano effetto quando infilzi un uomo: ti rendi conto che non siamo altro che sacchi di carne pieni di sangue tenuti insieme dalle ossa”
Ecco invece una dimostrazione di spietatezza priva di fantasia e umanità. Autore Jamie Lannister, ovviamente.

“Tu non sai niente, Jon Snow”
Frase meme per eccellenza, per Game of Thrones. La boria d Jon Snow è liquidata così, ripetutamente, dalla “selvaggia” Ygrit.

I Lannister pagano sempre i loro debiti”
Non il vero motto della famiglia, ma una dichiarazione di distinzione. I più ricchi dell’Universo di GOT proclamano così la propria smisurata ricchezza.

cinema: game of thrones le frasi memorabili della serie Tywin
Tywin

Cosa rispondiamo al Dio della morte?”
La risposta, lo sappiamo, è “Not Today“.

Questo è quel che faccio: bevo e so le cose”
Ecco la distinzione di un figlio dei Lannister, Tyrion. Sempre saggio ed autoironico.

“Mio fratello ha l’armatura e io ho la mia mente, e la mente dipende dai libri quanto la spada dall’affilatura”
Infatti. Eccoci qui di nuovo. Sempre in compagnia di Tyrion.

“Un leone non si cura dell’opinione di una pecora”
Ancora l’orgoglio Lannister. Tywin è forse il più orgoglioso e arrogante della famiglia. Un atteggiamento che certo non l’ha aiutato a fare una bella fine…

“Ogni uomo che dice ‘Io sono il Re’ non è un vero Re”
Ancora Tywin. L’orgoglio e la sprezzatura rivolte al nipote, l’odiosissimo Joffrey.

“Una ragazza è Arya Stark di Winterfell. E sta tornando a casa”
Le ultime parole che il personaggio di Maisie Williams pronunciate alla fine della sesta stagione. Game of Thrones ricomincerà da qui.

 

 

Boris Stoinich
Meet the author / Boris Stoinich

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>