IL MONDO VIRTUALE DI STELLA MCCARTNEY E ADIDAS

IL MONDO VIRTUALE DI STELLA MCCARTNEY E ADIDAS

Stella McCartney e Adidas presentano la pre-collezione Autunno/Inverno 2017 in una Tokyo sommersa dalla realtà virtuale

La partnership pluridecennale fra Stella McCartney e Adidas sembra non esaurirsi. A gennaio i due avevano promosso  StellaSport, la linea rivolta ai giovanissimi a prezzo modico e dai colori fluo. Più di recente la collezione di bianco Wimbledon “vestita” con finiture moderne, ma di rimando alla lingerie d’epoca, in perfetta sintonia con il Grande Slam su erba. Soltanto ieri, in una Tokyo “virtuale”,  la pre-collezione A/I.

Fortunato chi ha potuto partecipare all’evento. I capi tecnici- giacche, fuseaux, felpe, t-shirt, scarpe, etc etc- non sono stati disposti su scaffali alla portata di tutti. No. Per vedere le creazioni sportive, ispirate anche un po’ alla natura del Sol Levante, bisognava immergersi in una dimensione 3D. Così se Adidas stupisce tenendosi sempre al passo con i tempi, anche alla ricerca di nuove collaborazione come quella con Pharrell Williams, Stella non è da meno.

Moda: Il mondo virtuale di di Stella McCartney e Adidas. Un momento della presentazione a Tokyo
La nuova pre-collezione Autunno/Inverno è stata presentata a Tokyo in 3D
Sportswear o ready to wear?

Merito o meno di essere figlia d’arte, o di essere politically correct (né pelle né pelliccia), Stella piace e abbaglia. Questa volta costringendo il suo pubblico a immergersi a 360° nell’opera. I suoi sportswear si dimostrano ancora una volta essere ready to wear. Ovvero pronti a essere indossati in ogni occasione anche fuori dallo sport.  E la dimostrazione viene proprio dallo spettacolo dove quattro atlete giapponesi eseguono gli stessi movimenti ma in scenari differenti. Non importa quando li vesti, importa se li vesti. Anche fuori dalla realtà aumentata.

 

Sara Cervo
Meet the author / Sara Cervo

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>