FUMITO GANRYU, LA SFILATA A PITTI UOMO 94

FUMITO GANRYU, LA SFILATA A PITTI UOMO 94

Fumito Ganryu, designer project di Pitti Uomo 94, ha presentato la sua sfilata in solitaria

La tanto attesa di Fumito Ganryu in passerella ha nutrito le aspettative del suo debutto come designer indipendente.

Durante Pitti Uomo 94, infatti, lo stilista giapponese ha compiuto un trionfo da solista dopo l’addio a COMME des GARÇONS.

La collezione.

Mame Moda Fumito Ganryu, la sfilata a Pitti Uomo 94. Look streetwear
Look streetwear realizzato in tessuto scuba

Il progetto creativo siglato da Fumito Ganryu verte su due elementi al quale non può essere applicata scissione alcuna: volumetria e sovrapposizione.

Dopotutto, tali principi sono alla base della corrente artistica che ha creato coesione tra diversi esponenti della moda giapponese quali Rei Kawakubo (fondatrice di COMME des GARÇONS) e Yohji Yamamoto, abile a creare un continuum tra tradizione e contemporaneità.

Non esiste un elemento di rottura tra la vecchia e la nuova generazione: la parola chiave è futuro.

La moda casual o casualwear come è stata definita dallo stesso Fumito Ganryu, trova il pretesto per creare una collezione da etichettare come forza generatrice di nuove ostentazioni del design legato alla moda.

La location asettica – ricavata all’interno della galleria contemporanea Frittelli – diventa lo spazio indicato per presentare una collezione futurista.

Il saggio samurai viene ridefinito con un’immagine inedita, scolpita da un look funzionale dove la sovrapposizione dei capi diventa essenziale per esprimere la creatività del designer.

Lo streetwear è evidente nel progetto creativo della nuova firma della moda Made in Japan.

I capi sono comodi, realizzati in tessuto scuba, cotone e denim. L’effetto grafico è stato ridisegnato da profilature che tracciano la silhouette dei capi.

Fumito Ganryu

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fumito è nato a Fukuoka, città eretta sull’isola di Kyūshū, Giappone.

Nel 2000 si diploma presso il Bunka Fashion College, fondata nel 1923 e destinato a essere il primo istituto di moda del Giappone.

A distanza di quattro anni dal diploma inizia a lavorare nel team di COMME des GARÇONS nel ruolo di modellista, affiancando lo stilista giapponese Junya Watanabe.

Nel 2007 lancia la sua linea GANRYU sotto il marchio di COMME des GARÇONS seguendo le orme di Watanabe che, nel 1992, lanciò  il marchio Junya Watanabe COMME des GARÇONS.

Nel 2018 presenta la sua griffe indipendente FUMITO GANRYU.

Fumito è figlio della destrutturazione dei capi avviata da Rei Kawakubo.

La stilista giapponese, infatti, è l’artefice di una moda proporzionalmente non arbitraria, scomposta e indiscutibilmente anticonformista.

 

 

 

 

 

Stefania Carpentieri
Meet the author / Stefania Carpentieri

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>