Il 90esimo anniversario di Fendi celebrato alla Fontana di Trevi

Il 90esimo anniversario di Fendi celebrato alla Fontana di Trevi

Il 90esimo anniversario di Fendi, celebrato nella suggestiva cornice romana della Fontana di Trevi

Ci sono anniversari, e poi ci sono “gli anniversari”. Lo scorso giovedì, Fendi ha celebrato il cinquantesimo anniversario di Karl Lagerfeld alla guida della Direzione Artistica della Maison, con l’evento “Haute Fourrure“, nella suggestiva cornice della Fontana di Trevi. Il fashion designer tedesco è notoriamente contrario a festeggiare compleanni e anniversari, il suo motto è “Io non guardo indietro”, ma questa volta non ha potuto rifiutare, perché c’era da festeggiare anche e soprattutto il 90° anniversario della casa di moda italiana di proprieta di Bernard Arnault. Mentre a Parigi sfilavano le collezioni Haute Couture, Fendi ha fatto arrivare gli ospiti in aereo per la sua “Haute Fourrure”. Il Comune di Roma ha dato il via libera solo 24 ore prima dello svolgimento dell’evento, ma lo spettacolo non ne ha risentito. Le luci della Fontana di Trevi, restaturata grazie a più di 2 milioni di euro donati dalla Maison, si sono illuminate  e le modelle hanno sfilato su una passerella trasparente installata sopra l’acqua; la sfilata è stata aperta dalla super model molto cara a Lagerfeld,  Kendall Jenner. Uno degli scenari più suggestivi di sempre, anche se la Maison romana ci ha abituato a spettacoli unici, come il fashion show del 2007 tenutosi sulla Grande Muraglia cinese. L’unico inconveniente è stato che le 47 creazioni, con  le loro preziose ed esclusive lavorazioni, hanno sfilato un po’ distanti dagli ospiti, che non hanno potuto amminarne così le incredibili lavorazioni. Sì, perché parliamo di 5.000 fori hand made che hanno trasformato il manto di un agnello persiano color rosa in un abito lungo in pizzo;  della preziosa giacca di lince tinta in un delicata sfumatura di rosa; o ancora dei minuscoli dischetti di visone che hanno richiesto una lavoro di cucitura stile mosaico di 1.200 ore (!) per riprodurre una foresta incantata; abiti lavorati all’uncinetto su una base di tulle ricamati con ritagli di visone a pelo lungo e frange di pelle, e abiti di pizzo decorati con fiori di visone rasato, ritagliati a mano. “Questo è ciò che Fendi e che Fendi sa creare, e nessuna altra Maison al mondo ne è in grado, né potrebbe esserlo”, ha dichiarato Karl Lagerfeld.

Lo spirito della collezione è incantato, il Direttore Artistico ha tratto ispirazione da un libro di fiabe pubblicato nel 1914 e illustrato dall’artista danese Key Nielsen, col quale Lagerfeld ha riassaporato l’atmosfera delle fiabe del Nord della sua infanzia.

 

 

Lorenza Dalai
Meet the author / Lorenza Dalai