LA TIGRE PIÙ FAMOSA DEL GIAPPONE IN MOSTRA A ZURIGO

LA TIGRE PIÙ FAMOSA DEL GIAPPONE IN MOSTRA A ZURIGO

Per la prima volta in assoluto sarà possibile ammirare, fuori dal Giappone, le pitture murali di Nagasawa Rosetsu del tempio zen Muryōji. Tra le opere esposte a Zurigo ci sarà anche il dipinto monumentale della tigre, una delle opere più famose dell’artista.

La tigre più famosa del Giappone dipinta nel 1786 da Nagasawa Rosetsu sarà in esposizione, per otto settimane, a Zurigo. Il Museo Rietberg ospiterà, oltre alla famosa tigre, anche un intero tempio zen.
Dietro al dipinto monumentale ci sono alcune leggende, infatti si narra che l’artista Nagasawa Rosetsu (1754–1799) abbia dipinto la tigre e la sua controparte, un drago, sui pannelli della porta scorrevole del tempio zen Muryōji in una sola notte.
mam-e mostra LA TIGRE PIÙ FAMOSA DEL GIAPPONE IN MOSTRA A ZURIGO porte
Le porte del Tempio Zen dipinte con i famosi soggetti di tigre e di un drago
Questa mostra è la prima occasione da quando sono state realizzate in cui si potrà ammirare queste opere al di fuori del Giappone. La mostra Rosetsu – Il fantastico immaginario dal Giappone è un’occasione unica.

La tigre e il drago

Rosetsu era un grande artista infatti i suoi dipinti sono pieni di spirito e umorismo. Furono realizzati con magistrali pennellate o con le dita, ma anche con pennelli fini e a colori vivaci.

Le pitture murali di una tigre e un drago, eseguite sulle pareti della sala centrale di un tempio zen sono i simboli delle forze primigenie dell’esistenza umana e della natura.

Nagasawa Rosetsu

Nagasawa Rosetsu è un artista giapponese considerato tra i primi artisti pre-moderni più eccentrici e innovativi. Infatti, anche se la sua carriera non fu lunga, realizzò numerosi dipinti che restano impressi per il loro carattere visionario.

mam-e mostra LA TIGRE PIÙ FAMOSA DEL GIAPPONE IN MOSTRA A ZURIGO nagasawa
Uno degli animali dello zodiaco cinese dipinti da Nagasawa Rosetsu

Le sue opere sono caratterizzate da originalità, grande estro e fascino visivo, e questo permette loro di sottrarsi a qualsiasi classificazione. Nel corso della sua attività fu in grado di eseguire in diverse tecniche pittoriche e nei più svariati formati molte opere, ma anche di cambiare spesso il suo stile.

Il museo Rietberg

È il 1949 quando i cittadini di Zurigo decisero di trasformare Villa Wesendonck in un museo destinato  alla collezione che il barone Eduard von der Heydt voleva donare alla città. Fu solo nel 1952 quando il Museo apre le porte al pubblico per la prima volta.

mam-e mostra LA TIGRE PIÙ FAMOSA DEL GIAPPONE IN MOSTRA A ZURIGO museo
Museo Rietberg a Zurigo

Successivamente nel 2002 si cerca di dare un nuovo volto al museo e il dipartimento delle costruzioni della città di Zurigo lancia un concorso internazionale di architettura. Fu vinto dagli studi di architetti d’Alfred Grazioli di Berlino e d’Adolf Krischanitz di Vienna con sedi a Berlino.

Le opere d’arte donate al museo da Eduard von der Heydt, costituiscono il fondo della collezione permanente. Mentre, grazie ai contatti e ai rapporti intrattenuti negli anni, ai mecenati e a importanti collezionisti, ma anche all’aiuto di fondazioni e sponsors economici, il museo svizzero ha accresciuto e completato le proprie collezioni con importanti opere internazionali.

Chiara Carnaccini
Meet the author / Chiara Carnaccini

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>