, , ,

KUNIYOSHI: IL VISIONARIO DEL MONDO FLUTTUANTE A MILANO

KUNIYOSHI: IL VISIONARIO DEL MONDO FLUTTUANTE A MILANO

DAL 4 OTTOBRE FINO AL 28 GENNAIO IL MUSEO DELLA PERMANENTE DI MILANO OSPITERÁ L’ARTISTA KUNIYOSHI.

A partire dal 4 ottobre il Museo della Permanente presenterà la mostra di Kuniyoshi, l’artista visionario del mondo fluttuante.

L’evento curato da Rossella Menegazzo, propone al pubblico una gamma di soggetti che Kuniyoshi ha eseguito nell’arco della sua vita.

Includendo paesaggi astratti, figure femminili, attori di teatro Kabuki, gatti, animali fantastici ed episodi della mitologia giapponese.

È conosciuto per la vivace rappresentazione di battaglie di eroi, di samurai e per la raffigurazione storica giapponese.

Sono presenti nel suo operato artistico anche elementi grafici dell’arte occidentale, si pensa al paesaggio e ai suoi disegni caricaturali.

 

Questi sono i protagonisti delle opere di Utagawa Kuniyoshi nato a Edo in Giappone nel 1797 e morto nel 1861. Negli ultimi anni, nel suo Paese e nel mondo, gli sono state dedicate numerose mostre.

E’ stato un pittore e disegnatore, considerato uno degli ultimi grandi maestri della pittura e della xilografia giapponese in stile ‘ukiyo-e, tecnica d’incisione.

Dalla tavoletta di legno si asportano le parti non pertinenti al disegno, lasciando una parte a rilievo. Le matrici vengono poi inchiostrate superficialmente e utilizzate per realizzare numerosi esemplari del medesimo soggetto, con l’ausilio del torchio.

L’Italia per la prima volta rende omaggio a questo Maestro di inizio Ottocento dell’ukiyo-e, la xilografia su carta. Questa tecnica ha avuto grande influenza sulla cultura manga, anime (film di animazione), dei tatuaggi e nella cultura pop.

La mostra “Kuniyoshi. Il visionario del mondo fluttuante“, è prodotta da MondoMostre Skira e presenta la produzione artistica nella sua interezza, attraverso una selezione di 165 xilografie policrome, provenienti tutte dal Giappone.

L’esposizione si dividerà in sezioni tematiche: Beltà, Paesaggi, Eroi e guerrieri, Animali e parodie, e Gatti. Quest’ultima dei gatti celebra la grande passione dell’artista che ne esalta ancor più la personalità eccentrica e misteriosa.

Museo della Permanente Milano: come arrivare

 

 

 

 

Alessandra Mazziotta
Meet the author / Alessandra Mazziotta

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>