, ,

HUAWEI: LA TECNOLOGIA INCONTRA L’ARTE

HUAWEI: LA TECNOLOGIA INCONTRA L’ARTE

SVELATO IL MISTERO DELLE STATUE GIGANTI A MILANO, NAPOLI E BARI PROPOSTE DALLA COMPAGNIA HUAWEI.

In questi giorni, fisse o itineranti, le città di Milano, Napoli e Bari ospitano statue giganti per promuovere il nuovo progetto Huawei.

L’occasione è l’arrivo in Italia del HUAWEI Mate 10 Pro, lanciato dalla campagna I AM WHAT I DO.

La tecnologia incontra l’arte perché questi colossi raccontano le storie di chi, con il proprio lavoro tecnologico, ha progettato la straordinarietà. Raggiungendo traguardi che hanno o permetteranno di migliorare la vita delle persone.

Il progetto scultoreo è partito il 9 Novembre per Napoli e Bari il giorno seguente per Milano. Quest’ultimo caso prevede un giro itinerante per la città.

Molta curiosità ovviamente hanno suscitato queste “presenze” che subito sono state diffuse nel popolo della rete aumentando così la distribuzione e le domande.

Importante è dare ai volti scultorei un nome; sono definiti gli “eroi del domani” e sono Massimo Ciociola, Monica Calicchio e Diva Tommei. Tre imprenditori noti per l’audacia del proprio lavoro, tre campi differenti, con l’unico obiettivo di cambiarci la vita.

Una causa nobile segue l’ideazione di questo progetto, incentivare i giovani a seguire i propri sogni, ad investire nel proprio futuro e a credere nelle proprie potenzialità.

Sentirsi in qualche modo ispirati da quanti ci sono riusciti perché vi hanno creduto con tutte le forze. Che sia di monito a credere nelle proprie idee e a superare i propri limiti.

Queste istallazioni maxi di 12 metri in polistirolo sono temporanee, si spera invece che duraturo sia il messaggio di speranza e incitamento trasmesso.

 

[sibwp_form  d=1]
Alessandra Mazziotta
Meet the author / Alessandra Mazziotta

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>