,

FAUSTO MELOTTI: QUANDO LA MUSICA DIVENTA SCULTURA

FAUSTO MELOTTI: QUANDO LA MUSICA DIVENTA SCULTURA

DALL’11 NOVEMBRE 2017 ALL’11 FEBBRAIO 2018 FAUSTO MELOTTI SARÁ IN MOSTRA AL CASTELLO DI MIRANDOLO.

Il Castello di Mirandolo a San Secondo di Pinerolo (TO) ospita la mostra di Fausto Melotti.

Fausto Melotti (1901 – 1986) è stato un grande artista del ‘900, pittore e scultore originario di Rovereto, una città che gli ha dato tanto. Era fertile e vi vivevano personaggi di spicco come Fortunato Depero e l’architetto razionalista, forse tra i più importanti in Italia, Gino Pollini.

Melotti da Rovereto andrà a Firenze per poi studiare a Milano al Politecnico ingegneria elettrotecnica. Diversi sono stati gli studi da lui compiuti, musica, scultura a Torino, a Milano all’Accademia di Brera con il grandissimo Adolfo Wildt.

Nel contempo lavorò con Richard-Ginori e Gio Ponti.

Molte le influenze, molti i cambiamenti di stile ma una cosa è rimasta immutata nel suo lavoro, l’ispirazione spaziale legata al ritmo musicale.

Ed è proprio dall’approccio musicale che la mostra al Castello di Miradolo vuole iniziare a raccontare Fausto Melotti.

La mostra prevederà oltre 80 opere, tra sculture, dipinti e ceramiche, curata da Francesco Poli e da Paolo Repetto.

Poi ci sarà una sezione chiamata “Assonanze” una sorta di ideale confronto tra le Arti di Melotti e quelle degli artisti da lui amati e stimati. Arturo Martini, Fortunato Depero, Paul Klee, Vassili Kandinskij, Alexander Calder, Lucio Fontana e Osvaldo Licini.

 

La musica entrerà nel progetto espositivo con Avant-dernière pensée, le partiture amate da Melotti accompagneranno le sue opere. Facilmente deducibile come il medium musicale sia stato non solo passione ma fonte principale se non fondamentale di ispirazione.

Castello di Mirandolo, San Secondo di Pinerolo (TO): come arrivare

 

Alessandra Mazziotta
Meet the author / Alessandra Mazziotta

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>