,

BRONZINO: ARTE RELIGIOSA AL GRATTACIELO INTESA SANPAOLO

BRONZINO: ARTE RELIGIOSA AL GRATTACIELO INTESA SANPAOLO

DAL 21 DICEMBRE 2017 AL 7 GENNAIO 2018 ARRIVA IN MOSTRA L’ARTE SACRA DEL BRONZINO A TORINO

Sarà il grattacielo Intesa Sanpaolo di Torino ad accogliere La Madonna con il Bambino del Bronzino nello spazio 35.

Agnolo di Cosimo di Mariano, conosciuto come il Bronzino (1503-1572) arriverà domani dal Museo Real Bosco di Capodimonte di Napoli a Torino.

Terminato il restauro, il grattacielo Intesa Sanpaolo metterà in nuova luce esponendo l’opera ‘500entesca la Madonna con il Bambino, sant’Elisabetta e san Giovannino.

Il dipinto raffigura la Vergine con il Bambino sulle ginocchia nell’atto di giocare con il piccolo San Giovanni, alle spalle si trova la madre Santa Elisabetta. Il dipinto, d’ispirazione biblica, pone a confronto due diverse maternità, quella della Vergine Maria e quella dell’anziana Elisabetta. Un tema sacro reinterpretato dal Bronzino in chiave manierista, con accenti, colori e pose plastiche michelangiolesche.

L’Ospite illustre

L’esposizione fa parte della rassegna L’Ospite illustre. Iniziativa per far conoscere ai visitatori presso le sedi di Intesa Sanpaolo – le Gallerie d’Italia o il grattacielo – un’opera. Di rilievo, in prestito temporaneo da prestigiosi musei italiani e stranieri.

L’opera sarà esposta nella prorompente e moderna sala Spazio 35, circondata dalla serra bioclimatica. Un omaggio agli estimatori dell’arte del ‘500, così come a quanti lavorano, vivono e visitano la città della Mole Antonelliana.

Un motivo ulteriore per entrare nel grattacielo è offerto dall’iniziativa Luci d’Artista che permetterà all’imbrunire di ammirare α-cromactive. L’istallazione realizzata dallo studio Migliore+Servetto Architects composto di due parti. Uno sospeso nella serra bioclimatica e uno collocato nella terrazza al 35esimo piano.

Pensieri

«L’Ospite illustre è chiaro segno del nostro modo di fare cultura. È frutto del lavoro in sinergia con musei e
istituzioni culturali di tutto il mondo. Per poter ammirare grandi capolavori in nuove sedi e valorizzare l’arte e l’identità italiana».

«Il grattacielo in soli due anni è diventato un luogo di riferimento per la vita di tutta la città e ha saputo aprirsi. Ai dipendenti, agli ospiti e ai torinesi con una serie di iniziative non solo culturali che lo rendono per noi un motivo di orgoglio», commenta Michele Coppola, Direttore Centrale Arte, Cultura e Beni Storici.

«Il Museo e Real Bosco di Capodimonte crede in una mirata politica di prestiti per valorizzare la nostra
prestigiosa collezione, tra le dieci più importanti d’Europa. Purtroppo il suo inestimabile valore è misconosciuto anche nella stessa Italia», afferma il direttore Sylvain Bellenger.

«Ed è per questo che sono favorevole alla circolazione delle nostre opere, preziose ambasciatrici della nostra bellezza, nei più importanti musei e istituzioni culturali. Ringrazio, perciò, Intesa Sanpaolo con le sue Gallerie d’Italia per il ruolo fondamentale nella cura e la valorizzazione del patrimonio artistico italiano».

Un dono natalizio a ingresso gratuito previa prenotazione obbligatoria.

Grattacielo Intesa Sanpaolo, Torino: come arrivare

 

Alessandra Mazziotta
Meet the author / Alessandra Mazziotta

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>